Lactobacillus rhamnosus GG: l’amico delle ossa!

Dagli States l’incredibile verifica della correlazione benefica tra uno dei ceppi probiotici più conosciuti e l’osteoporosi ormone correlata nella menopausa.

vecchietta-pesi-ciesseinforma-csv-fvg

Nell’era del boom degli integratori alimentari e della sempre maggior consapevolezza che non tutti i batteri vengono per nuocere, ancora una volta i nostri cari fermenti lattici vengono in nostro aiuto. Infatti, è la volta del famoso Lactobacillus rhamnosus GG, già noto per le interessantissime funzioni di booster delle difese immunitarie, di ripristino fisiologico della microflora intestinale e di innumerevoli effetti terapeutici contro vari microrganismi patogeni, acquisendo così un preziosissimo valore come adiuvante per la cura delle più comuni patologie del tratto gastrointestinale ed urinario dell’uomo. Tuttavia, una ricerca condotta dalle università americane Emory e Georgia State mostra che topi femmina a cui venivano asportate le ovaie (così da simulare il drastico calo degli ormoni estrogeni tipico della menopausa) venivano divisi in due gruppi: un gruppo riceveva giornalmente una dose di Lactobacillus rhamnosus GG per un mese e l’altro no. Questi due gruppi sono stati paragonati ulteriormente con un altro gruppo di topi a cui non erano state asportate le ovaie che, tuttavia, riceveva lo stesso dosaggio del ceppo probiotico in questione. I risultati non lasciano ombra di dubbio: il gruppo senza ovaie e senza integrazione di Lactobacilli ha mostrato una perdita molto evidente della densità ossea, mentre il gruppo senza ovaie con la terapia probiotica quotidiana ha mantenuto la stessa e medesima densità ossea di partenza, a conferma dell’utilità del microrganismo nell’arresto dei processi patologici che portano all’osteoporosi. Ed al terzo gruppo di topi cosa sarà successo? Provate ad immaginare… ebbene, non solo non hanno mostrato perdita della densità ossea, ma hanno addirittura evidenziato un importante aumento della densità ossea di partenza. Quest’ultimo risultato conferma con estrema forza la tesi che Lactobacillus rhamnosus GG ha davvero un effetto benefico diretto sull’osteoporosi estrogeno-correlata caratteristica della menopausa nelle donne, così da candidarsi autorevolmente come indispensabile aiuto per la buona salute delle ossa. Quindi, care donne di una certa età, non preoccupatevi… ora avete un amico microscopico in più che vi darà un macro-aiuto… perché Lactobacillus rhamnosus GG è davvero un “osso duro”!

Articolo di Santi Rocca

Commenta per primo

Rispondi