Un “vaccino ad RNA” contro il cancro

Universal-Flu-Vaccine1

Alcuni ricercatori tedeschi hanno presentato un metodo a “cavallo di Troia” per attaccare il cancro, imitando furtivamente dei virus nel corpo umano che inducono una risposta immunitaria che attacca i tumori. Testato in sole tre persone finora, il trattamento sostiene di essere l’ultimo avanzamento nella immunoterapia, che mira a risvegliare il sistema immunitario del corpo contro le malattie.

Realizzato in laboratorio, il cavallo di Troia è composto da nanoparticelle che contengono RNA del cancro – una forma di codice genetico – racchiuso da una membrana di acido grasso. Le particelle sono iniettate nel paziente per simulare un’infezione virale, e infiltrarsi nelle cellule immunitarie specializzate. Queste cellule dendritiche decodificano l’RNA incorporato nelle nanoparticelle – e attivano, a sua volta, la produzione di antigeni tumorali.

Gli antigeni poi attivano le cellule T che combattono contro il cancro, portando quindi al primo passo per attaccare i tumori. A seguito di esperimenti sui topi, nella prima fase del lungo e cauto processo per testare nuovi farmaci sugli esseri umani, sono state date basse dosi di trattamento a tre persone con cancro avanzato della pelle. Questo ha portato l’organismo a sviluppare una “forte” risposta immunitaria, riporta il team sulla rivista Nature.

Se ulteriori studi dimostreranno che la terapia funziona, hanno aggiunto, il metodo potrebbe contribuire a spianare la strada ad un trattamento per tutti i tipi di cancro. Il nuovo trattamento è chiamato “vaccino ad RNA” – e funziona proprio come un vaccino preventivo, imitando un agente infettivo e allenando il corpo a rispondere ad esso.

Impressionanti risposte immunitarie sono state osservate ” nei tre pazienti affetti da cancro, scrivono i commentatori esperti Jolanda de Vries e Carl Figdor del centro medico dell’Università Radboud di Nijmegen nei Paesi Bassi. Ma avvertono che “è ancora agli inizi, e sarà necessario un più grande studio randomizzato per convalidare questi risultati“. L’immunoterapia è già utilizzata nel trattamento di alcune forme di cancro, ma non vi è ancora alcun vaccino universale.

A differenza di virus, batteri o funghi che possono essere mirati con i farmaci, le cellule tumorali non sono “intrusi”, ma sono nostre cellule il cui DNA è danneggiato. Questo è il motivo per cui la maggior parte di essi circolano indisturbati dal sistema immunitario del corpo. Trovare farmaci in grado di uccidere le cellule malate senza danneggiare quelle sane si è rivelato molto difficile. La chemioterapia, per esempio, prende di mira cellule in rapida divisione – sia buone che cattive. L’immunoterapia mira, invece, ad attivare la risposta immunitaria del corpo senza uccidere le cellule sane.

Anche se la ricerca è molto interessante, è ancora in qualche modo lontana dal comprovare il beneficio per i pazienti” ha detto al Science Media Centre il professore di immunoterapia Alan Melcher, dell’Istituto di ricerca sul cancro di Londra. Un’altra questione in sospeso è  “la sfida pratica della produzione di nanoparticelle per una diffusa applicazione clinica“.

 

Salvatore Gemmellaro

 

Fonte: The Guardian

Informazioni su Salvatore Gemmellaro 84 Articoli

Non ho mai fatto della Scienza solo una materia di studio ed una passione personale, ma l’ho sempre ammirata come un’opera d’arte. Riesco a vederne la bellezza. I miei contemporanei probabilmente vedono solamente basi di Rna, gli enzimi. Io vedo Picasso, le più stupende sculture della biologia, vedo i Virus. Sono laureando in Scienze Biologiche, ed intendo dar del mio, in futuro, nel mondo della ricerca scientifica.

Commenta per primo

Rispondi