Individuata nuova via di trasmissione della Tubercolosi

Mycobacterium tuberculosis

Nel 2000, Kathleen Alexander, DVM, PhD, ora professoressa presso il Dipartimento di Fish and Wildlife Conservation, Virginia Tech, Blacksburg a Virginia, lavorava come veterinario per il governo del Botswana, quando una mangusta fasciata malaticcia vagava sul parco dove lavorava. Quando il mammifero è morto, lei determinò che  l’animale era stato infettato da un nuovo agente patogeno della tubercolosi (TB), il Mycobacterium mungi.

Diverse specie di Mycobacterium possono causare la tubercolosi, il più comune è il Mycobacterium tuberculosis. La Dott.ssa. Alexander ha scoperto che il Mycobacterium mungi era strettamente correlato ad un agente patogeno della TB che stava infettando esseri umani in Africa occidentale, ma quando l’infezione si stava diffondendo non era ancora chiaro.

Mycobacterium tuberculosis
Mycobacterium tuberculosis

Nel corso dei successivi  15 anni, la Dott.ssa Alexander ha condotto una ricerca sulle morti simili delle Manguste striate, sull’unica popolazione conosciuta di ceppi di Tubercolosi che infettavano le manguste, e che avevano attraversato il Nord del Botswana e il Nord-est dello Zimbabwe. I ricercatori hanno condotto una ricerca approfondita per determinare come la manguste venivano infettate dai batteri. “Era chiaro che non li mangiavano e non li respiravano nei loro polmoni. Abbiamo guardato i luoghi in cui ci si aspetta l’esposizione, ma non riuscivamo a trovare alcuna traccia del patogeno “, ha detto la Dott.ssa Alexander. “Abbiamo notato però che le manguste presentavano sempre lesioni sul naso, così abbiamo pensato che doveva essere ambientale, e abbiamo iniziato a cercare attraverso tutte le diverse possibilità. Vengono trasmessi attraverso i liquami umani? Si trova nel suolo o nelle feci di un altro animale?

Lesioni causate da Mycobacterium mungi
Lesioni causate da Mycobacterium mungi

Per anni, i ricercatori non hanno avuto fortuna e potevano solo supporre le possibili vie di trasmissione della lista. “Abbiamo cercato ovunque. Infine, ho controllato le ghiandole anali ed è lì che si era nascosto“, ha detto la Dott.ssa  Alexander. I Mungos mungo si impegnano nella marcatura olfattiva, in qualche modo simile ai cani, e la tubercolosi veniva trasferita attraverso queste tecniche di marcatura utilizzate per la comunicazione sociale.

Le secrezioni delle ghiandole anali, una sostanza oleosa, rappresentano un rifugio ideale per i batteri, che non prosperano in un ambiente a base d’acqua (idrofobo). Questo astuto meccanismo evolutivo permette al patogeno di dirottare il “network” di comunicazione sociale e connettersi agli animali tra i gruppi sociali, dove a causa della territorialità, il contatto necessario per la trasmissione non sarebbe normalmente identificato.

"Network" di comunicazione sociale attraverso il quale il batterio si trasmette
“Network” di comunicazione sociale attraverso il quale il batterio si trasmette

I risultati, pubblicati il 10 maggio sulla rivista mBio, una rivista open-access della American Society for Microbiology, cambia radicalmente la comprensione degli scienziati di come la tubercolosi può essere trasmessa. “Questo è un punto di svolta. Abbiamo saputo di questo patogeno umano e animale, la tubercolosi, fin dai tempi antichi, ed è sempre stato considerato qualcosa che viene trasmesso sia attraverso l’esposizione orale che l’esposizione aerosol“, ha detto l’autrice principale dello studio, la Dott.ssa Alexander. “Abbiamo scoperto che questa specie di tubercolosi si trasmette ambientalmente attraverso l’urina e le secrezioni delle ghiandole anali utilizzati nella comunicazione olfattiva, infettando le manguste attraverso lesioni della pelle e del naso. Questo cambia completamente la nostra comprensione dei meccanismi potenziali per la trasmissione della Tubercolosi “.

Dobbiamo essere consapevoli della diversità di modi attraverso cui la tubercolosi può essere trasmessa. La tubercolosi è un enorme fardello per il settore agricolo e la trasmissione ambientale fra la fauna selvatica e del bestiame è una crescente preoccupazione “, ha detto inoltre la Dott.ssa Alexander. Ha sottolineato che questa via di trasmissione potrebbe aiutare a spiegare alcuni focolai di tubercolosi, in altri animali, che hanno disorientato finora i ricercatori e raccomanda che anche altri ricercatori considerino questa nuova modalità di trasmissione nell’ambito delle indagini sui focolai di malattia tubercolare.

Kathleen Alexander  ha detto che molto lavoro deve essere fatto per capire il Mycobacterium mungi.

Cosa c’è di diverso in questo organismo della Tubercolosi che permette a quest’ultimo di infettare un animale attraverso la pelle o il naso? Come si confronta con la TB che infetta gli esseri umani? Che cosa manca e che cosa è cambiato nel genoma? “Ha detto la Dott.ssa Alexander. “Abbiamo recentemente sequenziato il genoma di questo nuovo patogeno e ora possiamo cominciare ad indagare su queste domande che hanno importanti implicazioni per la malattia della tubercolosi e sulla salute umana e animale.”

 

Salvatore Gemmellaro

Fonte: mBiosphere

Informazioni su Salvatore Gemmellaro 84 Articoli

Non ho mai fatto della Scienza solo una materia di studio ed una passione personale, ma l’ho sempre ammirata come un’opera d’arte. Riesco a vederne la bellezza. I miei contemporanei probabilmente vedono solamente basi di Rna, gli enzimi. Io vedo Picasso, le più stupende sculture della biologia, vedo i Virus. Sono laureando in Scienze Biologiche, ed intendo dar del mio, in futuro, nel mondo della ricerca scientifica.

Commenta per primo

Rispondi