Scoperti i virus più grandi di sempre

image_1253_1e-Pandoravirus

I nuovi virus, denominati Pandoravirus salinus e Pandoravirus dulcis, sono due volte più grandi del precedente detentore del record Megavirus chilensis.

Oltre ad essere di grandissime dimensioni – circa 1 micron di lunghezza e 0,5 micron di diametro, questi virus hanno genomi di dimensioni enormi. Il genoma di Pandoravirus salinus è lungo ben 2,473,870 basi del DNA, mentre Pandoravirus dulcis di 1,908,524 basi.

La forma ad anfora dei Pandoraviruses e il loro contenuto genomico unico ce li ha fatti associare con il vaso di Pandora. L’apertura della scatola romperà definitivamente le basi di quello che abbiamo pensato fossero i virus“, ha spiegato il dottor Abergel, che con i colleghi ha descritto i nuovi virus in un articolo pubblicato sulla rivista Science.

Pandoravirus salinus è stato trovato in un campione di sedimento raccolto al largo della costa centrale del Cile. L’altro virus gigante, il Pandoravirus dulcis, è stato raccolto da uno stagno d’acqua dolce poco profonda vicino a Melbourne, in Australia. “Il fatto che due di loro sono stati trovati quasi simultaneamente da luoghi molto distanti o ci indica che siamo stati incredibilmente fortunati, o che non sono così rari“, ha detto il dottor Abergel. “Una spiegazione per la loro scoperta tardiva sarebbe che si trovano solo nei sedimenti, un ambiente che non è stato ben esplorato, e che è anche difficile da lavorare. Per quanto ne sappiamo, questo è il primo recupero di virus da sedimenti “.

image_1253_2e-Pandoravirus

Il dottor Abergel ha detto che per quanto ne sappiamo finora, i Pandoraviruses non sono patogeni per l’uomo, ma possono parassitare le amebe. “Questo non significa che alcuni virus correlati a questi nuovi virus non potrebbero essere la causa insospettata di malattie infettive non riconosciute”.

Utilizzando la microscopia ottica ed elettronica, gli scienziati hanno seguito Pandoravirus salinus e Pandoravirus dulcis attraverso un ciclo di replica in Acanthamoeba per confermare la loro natura virale. Il team ha poi sequenziato i loro genomi e ha trovato diverse caratteristiche sorprendenti che li distinguono dagli altri virus conosciuti. Il dottor Abergel ha sottolineato che “i geni di questi nuovi virus potrebbero indicare vie metaboliche alternative che potrebbero rivoluzionare le biotecnologie e l’industria farmaceutica.”

Poiché più del 93% dei geni di Pandoraviruses assomigliano a nulla di noto, la loro origine non può essere fatta risalire a qualsiasi nota stirpe cellulare. Tuttavia, la loro DNA polimerasi fa gruppo con quelle di altri virus a DNA giganti, suggerendo l’esistenza di un quarto controverso dominio della vita “, secondo quanto hanno scritto i virologi su Science.

Essi hanno rilevato che la scoperta dei Pandoraviruses è “un ricordo che il nostro censimento della diversità microbica è ben lungi dall’essere completo e che alcuni importanti indizi circa la natura fondamentale del rapporto tra il virale e il mondo cellulare potrebbero ancora trovarsi all’interno di ambienti inesplorati“.

 

Salvatore Gemmellaro

Fonte: Sci-news; Science

Informazioni su Salvatore Gemmellaro 84 Articoli

Non ho mai fatto della Scienza solo una materia di studio ed una passione personale, ma l’ho sempre ammirata come un’opera d’arte. Riesco a vederne la bellezza. I miei contemporanei probabilmente vedono solamente basi di Rna, gli enzimi. Io vedo Picasso, le più stupende sculture della biologia, vedo i Virus. Sono laureando in Scienze Biologiche, ed intendo dar del mio, in futuro, nel mondo della ricerca scientifica.

Commenta per primo

Rispondi