Usare un virus per combattere la Leucemia virus-associata

blood cells

La leucemia è una forma terribile di cancro in cui i globuli bianchi cancerosi viaggiano attraverso il sistema sanguigno o linfatico, e quindi hanno accesso a tutto il corpo per avviare tumori. La  leucemia alle cellule T dell’adulto (ATLL) è una forma particolarmente aggressiva di leucemia associata all’infezione da Virus T-linfotropico dell’uomo (HTLV-1). Dopo che questo retrovirus infetta le cellule T helper CD4 +, si inserisce in modo casuale nel genoma, dove produce la proteina HTLV1 Tax. Questa proteina si ritiene avvii la trasformazione delle cellule attraverso la stimolazione della crescita e reprima i geni oncosoppressori. I ricercatori hanno cercato di identificare gli obiettivi specifici di queste cellule T trasformate.

Che tipo di strumento può essere utilizzato per indirizzare queste cellule T trasformate? Alcuni scienziati pensano che la risposta è un altro virus. Il Virus della stomatite vescicolare (VSV) viene spesso utilizzato come strumento molecolare – è un virus ben caratterizzato con un robusto sistema genetico che può esprimere geni da altri virus per scopi di caratterizzazione, come i geni envelope-correlati. In un nuovo articolo del Journal of Virology, Dillon Betancourt e il Dr. Glen Barber propongono che un VSV ingegnerizzato può essere anche più di un semplice strumento – potrebbe essere un mezzo per infettare e lisare cellule T HTLV1-infette.

Come indirizzare VSV, che normalmente si lega ad un recettore LDL, a cellule T? I ricercatori hanno utilizzato il gene gp160 da un’altra cellula T di targeting del virus , l’HIV, per dare il VSV a cellule T tropi (vedi schema).

6a0133ec8b9631970b01bb087b0988970d-800wi

Questo gene è stato clonato al posto del gene VSV-G, sostituendo il suo recettore endogeno. I ricercatori hanno dimostrato che il nuovo virus si è replicato solo nelle cellule T CD4 + utilizzando sia colture cellulari che sistemi di modello animali – a differenza del controllo VSV-XN2, non vi era alcuna neurotossicità del VSV-gp160G in topi immunocompromessi.

6a0133ec8b9631970b01bb087b099f970d-800wi

La prova del concetto proviene da un modello animale di leucemia. I topi con tumori da una linea di cellule tumorali che esprimono luciferasi-paziente-derivata sono stati trattati con VSV-gp160G o PBS. Il gruppo VSV-gp160G sopravvisse più a lungo ed ebbe un minor numero di lesioni metastatiche rispetto ai topi trattati con PBS.

Come muoiono le cellule cancerose? I ricercatori hanno osservato la formazione di sincizi nelle cellule T VSV-gp160G-infette. I sincizi sono la fusione di molte cellule per formare cellule giganti con molti nuclei. Queste cellule anormali allertano il sistema immunitario, sia con la loro presenza e che con la formazione di esosomi che trasportano antigeni tumore-associati. Queste cellule sinciziali aiutano il sistema immunitario a riconoscere e a combattere i tumori.

Ci sono chiaramente molte domande su questo meccanismo di attacco del tumore che devono essere affrontati prima dell’applicazione in clinica. Come faranno gli scienziati ad impedire la formazione di sincizi da cellule in formazione incontrollate o da cellule non-tumorali incorporate? Potrebbe l’ingegnerizzazione di  VSV causare neurotossicità associata con VSV-XN2? Le cellule VSV-gp160G  attaccheranno le cellule T sane? Il virus VSV ingegnerizzato utilizzato in questo studio costituisce una solida piattaforma che gli scienziati possono utilizzare per porsi queste domande. E dato che i pazienti con diagnosi di ATLL acuta possono morire in meno di 6-9 mesi, aggiungerlo agli strumenti disponibili per combattere questa malattia avrà un impatto diretto sulla vita di molte persone.

 

Salvatore Gemmellaro

Fonte: mBiosphere

Informazioni su Salvatore Gemmellaro 84 Articoli

Non ho mai fatto della Scienza solo una materia di studio ed una passione personale, ma l’ho sempre ammirata come un’opera d’arte. Riesco a vederne la bellezza. I miei contemporanei probabilmente vedono solamente basi di Rna, gli enzimi. Io vedo Picasso, le più stupende sculture della biologia, vedo i Virus. Sono laureando in Scienze Biologiche, ed intendo dar del mio, in futuro, nel mondo della ricerca scientifica.

Commenta per primo

Rispondi