Scoperto un nuovo maratoneta: Vibrio natriegens detronizzerà Escherichia coli?

Eric-has-an-infection_Kimmo-Rantalainen_scaledIl microorganismo per eccellenza è sempre stato il famoso Escherichia coli, il batterio intestinale più studiato e più conosciuto di tutti. Viene usato come modello batterico sia per tutte le informazioni che possono trovarsi su Pubmed e siti scientifici analoghi ma anche perchè ha un tempo di replicazione di circa venti minuti, per cui volendo fare test scientifici è possibile utilizzare questo batterio ed avere risultati in tempi apprezzabili. Ma un nuovo batterio più veloce è stato trovato e si pensa possa detronizzare il ruolo che fino ad oggi ha avuto E. coli. Il suo nome è Vibrio natriegens, un parente di Vibrio cholerae, anche se è effettivamente innocuo per l’uomo. Il suo habitat naturale sono le acque salmastre e paludose di tutto il mondo e la sua attenzione sembra aumentare ultimamente in correlazione a questa sua caratteristica “da maratoneta”. L’idea quindi del genetista statunitense George Church e dal collega Henry Lee di mandare in pensione un batterio super studiato come E. coli e di sostituirlo con V. natriegens sembra dividere la comunità scientifica in due: da una parte sostenitori della troppa lentezza del primo a discapito di attese troppo lunghe e dall’altra ricercatori che apprezzano ancora tale batterio per la fin troppo conoscenza del metabolismo e molecolare che ha permesso nel corso del tempo di ottenere risultati scientifici eccellenti. Henry Lee ha incoraggiato sicuramente l’adozione di questo batterio sequenziando totalmente il suo genoma, pubblicando le nuove scoperte e rendendole accessibili a chiunque. Sicuramente ancora è presto per dire se effettivamente la velocità di replicazione possa essere un punto cruciale per sostituire un batterio su cui si sono fatti studi per tantissimi anni, ma iniziare a considerare Vibrio natriegens è sicuramente il primo passo per questa strada che vedrà per certo dibattiti sempre più accesi.

Fonte: ansa.it

Francesco Centorrino

Commenta per primo

Rispondi