In arrivo il primo vaccino al mondo contro la Clamidia

https://i0.wp.com/a.abcnews.com/images/Health/gty_chlamydia_infection_jc_150505_31x13_1600.jpg?resize=684%2C286
Cellula umana infettata da Chlamydia trachomatis, SEM.

I ricercatori hanno fatto enormi  progressi nello sviluppo del primo vaccino al mondo contro la clamidia dopo aver scoperto un nuovo antigene che riduce i sintomi provocati dal batterio Chlamydia trachomatis – la causa più comune della malattia.

Il co-autore dello studio, David Bulir del Michael G. DeGroote Institute for Infectious Disease Research alla McMaster University in Canada e colleghi, riportano i loro risultati sulla rivista Vaccine.

La clamidia è una è una delle più comuni infezioni a trasmissione sessuale negli Stati Uniti, con circa 2.860.000 infezioni che si verificano ogni anno. Ci sono quattro specie di batteri che possono causare l’infezione, la più comune delle quali è C. trachomatis .

Tuttavia, l’infezione spesso non presenta sintomi e di conseguenza, la maggior parte degli individui non sanno di aver contratto l’infezione.

La clamidia non curata può avere gravi conseguenze per la salute, in particolare per le donne. Può portare a malattia infiammatoria pelvica e può causare danni irreversibili al sistema riproduttivo, con conseguente dolore a lungo termine nella zona pelvica, infertilità o gravidanza ectopica.

Bulir e colleghi credono di essere sulla buona strada per lo sviluppo del primo vaccino al mondo, ampiamente protettivo, per combattere la malattia.

L’antigene BD584 riduce i sintomi della clamidia fino al 95%

Per il loro studio, i ricercatori hanno immunizzato i topi femmina con un nuovo antigene chiamato BD584, che si compone di tre proteine T3SS da C. trachomatis : CopB, BPCO, e CT584.

Dopo aver infettato i topi con Chlamydia muridarum – una specie di C. trachomatis – i ricercatori hanno scoperto che l’antigene ha ridotto i sintomi della clamidia del 95%.

Un altro sintomo dell’ infezione, l’ idrosalpinge che porta le tube di Falloppio a riempirsi di liquido, è stato ridotto del 87,5% nei topi immunizzati.

Sulla base dei loro risultati, Bulir e colleghi suggeriscono che BD584 è un candidato promettente per un vaccino contro la clamidia.

La vaccinazione sarebbe il modo migliore per modo per prevenire l’ infezione da clamidia e questo studio ha individuato importanti nuovi antigeni che potrebbero essere utilizzati come parte di un vaccino per prevenire o eliminare le conseguenze dannose riproduttive di questa infezione non trattata”, ha detto David Bulir.

Inoltre, i ricercatori suggeriscono che BD584 ha il potenziale di proteggere contro tutti i ceppi di C.trachomatis , compresi quelli che causano il tracoma, un tipo di infezione agli occhi.

Se l’antigene BD584 avrà successo come vaccino contro la clamidia, potrà essere somministrato attraverso il naso.

Questo vaccino è semplice e indolore e non richiede operatori sanitari altamente qualificati per la somministrazione e questo lo rende una soluzione economica per le nazioni in via di sviluppo”, osserva il coautore dello studio Steven Liang, del  Michael G. DeGroote Institute for Infectious Disease Research alla McMaster.

Successivamente, il team prevede di condurre ulteriori test su diverse formulazioni di BD584 per verificarne l’efficacia contro diversi ceppi di clamidia.

 

Salvatore Gemmellaro

Fonte: Medicalnewstoday

Informazioni su Salvatore Gemmellaro 84 Articoli

Non ho mai fatto della Scienza solo una materia di studio ed una passione personale, ma l’ho sempre ammirata come un’opera d’arte. Riesco a vederne la bellezza. I miei contemporanei probabilmente vedono solamente basi di Rna, gli enzimi. Io vedo Picasso, le più stupende sculture della biologia, vedo i Virus. Sono laureando in Scienze Biologiche, ed intendo dar del mio, in futuro, nel mondo della ricerca scientifica.

Commenta per primo

Rispondi