Cocktail con ghiaccio… e batteri !

Con il caldo estivo non se ne può fare a meno: il ghiaccio riempie i bicchieri di bibite e cocktail consumati nei bar, nei ristoranti o in casa. Il consumo quotidiano, da parte di adulti in buono stato di salute, di ghiaccio alimentare italiano può ritenersi quasi sempre sicuro, anche se si può fare di meglio. Soprattutto da parte delle piccole realtà autoproduttive. Possibile che bevendo un cocktail fresco ingeriamo involontariamente agenti patogeni pericolosi per la nostra salute?
Nella maggior parte dei casi, se la persona è dotata di un sistema immunitario in salute, la contaminazione non arreca danni. Ciò non toglie che sia necessario fare maggiore attenzione per tutelare la salute comune. A un anno dalla sottoscrizione e dal recepimento, da parte del Ministero della Salute, del Manuale di corretta prassi operativa per la produzione di ghiaccio alimentare, il quale ha fornito per la prima volta in Italia, e in Europa, un elenco dettagliato di tutte le procedure per garantire al consumatore un prodotto privo di contaminanti di qualunque natura (fisici, chimici, ma soprattutto biologici), sono questi i risultati della ricerca condotta sul ghiaccio prodotto in Italia per essere aggiunto a bevande e cocktail.
 
LO STUDIO
Doveroso e possibile è ottenere un ghiaccio più sicuro per l’uso alimentare. Lo dimostra uno studio in corso all’Università di Palermo (Dipartimento Scienze Agrarie e Forestali), condotto dal gruppo di Luca Settanni, che ha messo a confronto il ghiaccio prodotto da 5 industrie di settore, da 5 attività di ristorazione (autoproduzione) e infine da 5 freezer casalinghi. Premette Settanni «Sappiamo quali sono gli standard di igiene dell’acqua e quali microrganismi si possono rilevare alle temperature di analisi richieste (22°C per lo Pseudomonas e 37°C per Coliformi ed Enterobatteri). Qui invece ci siamo occupati del ghiaccio, una matrice che, dal punto di vista della selezione e della sopravvivenza di microrganismi contaminanti, ha ancora molto da raccontare» . Per saperne di più, sono state esaminate le tre aree produttive principali del ghiaccio, cioè l’industria (IN), i Bar/Pub (BP) e i freezer di casa (HM), scegliendo in modo random 5 realtà per ciascuna. Da qui sono stati prelevati, in due mandate successive a distanza di un mese, i campioni di cubetti lasciati liquefare e analizzare: «Questi risultati sono preliminari e rappresentano solo la prima parte della ricerca. Stiamo infatti procedendo anche all’analisi microbiologica dopo contatto con le bevande (zuccherine, o addizionate di CO2, o alcoliche, distinguendo tra diversi tipi di alcolici). «Tutti i dati saranno disponibili per Novembre, quando saranno presentati a Barcellona al Food Factor. Questo congresso riunisce ricerca universitaria e industriale sui temi della sicurezza di filiera per cibi e bevande, della sostenibilità ambientale e della prevenzione degli sprechi» precisa Settanni. «Tornando al ghiaccio, le nostre analisi hanno rilevato, nelle campionature di tre Bar/Pub (BP) su cinque, concentrazioni consistenti di Enterococchi; in uno su cinque i livelli di Pseudomonas erano consistenti; infine, in tutti i cubetti BP erano presenti coliformi. Campionature industriali (IN): in due su 5 erano presenti Enterococchi, in uno abbiamo rilevato Pseudomonas, mentre sempre assenti nel ghiaccio IN erano i Coliformi; infine, tutti i cubetti da freezer ospitavano Pseudomonas e, in un caso, anche i Coliformi». Come interpretare questi dati dunque? «Secondo le disposizioni di Legge, nell’acqua potabile Enterococchi e Coliformi dovrebbero essere sempre assenti, quindi non dovrebbero essere presenti neppure nel ghiaccio. È indispensabile perciò capire quali sono i passaggi produttivi a maggior rischio». «Gli Enterococchi sono sotto costante osservazione da parte delle Autorità sanitarie» precisa Settanni. «Inoltre si sa che possono trasferire a chi li ingerisce la resistenza agli antibiotici. Patogeni sono invece alcuni Coliformi, benché le concentrazioni rilevate in questa campionatura possano essere efficacemente neutralizzate dal sistema immunitario di adulti sani. Ciò che non sempre accade nelle persone fragili, come i bambini, gli anziani, o i soggetti con ridotta capacità di difesa immunitaria. Aggiungo infine che, in tutti i 15 campioni, sono presenti contaminanti tipici delle tubature e che, soprattutto nel ghiaccio casalingo, abbiamo rilevato molte muffe. La loro pericolosità è scarsa. Ma è chiaro quanto sia sempre opportuno proteggere i contenitori in cui si fa il ghiaccio di casa dal contatto con il diverso contenuto alimentare del freezer, così come dalla sfarinatura della brina, che imprigiona le particelle di polvere e cibi».
L’INTERVENTO DEL PRESIDENTE INGA
Inoltre ha commentato i risultati Carlo Stucchi, Presidente dell’Istituto Nazionale Ghiaccio Alimentare (INGA): «Vorrei prima di tutto ricordare i volumi italiani di produzione del ghiaccio per uso alimentare: prevale sempre il ghiaccio di autoproduzione da piccole/medie realtà di ristorazione, che si aggira sulle 200 mila tonnellate annue. Il ghiaccio di provenienza industriale, invece, ha ancora una quota minoritaria, producendo circa 20 mila tonn/anno. Anche alla luce di questi dati, i risultati della ricerca condotta all’Università di Palermo assumono particolare rilevanza. Pur emergendo da un campione non esteso, tali evidenze dimostrano che la produzione del ghiaccio per uso alimentare deve essere meglio tutelata, soprattutto per quanto riguarda l’autoproduzione destinata alla ristorazione collettiva. A garanzia del consmatore  é buona prassi che l’autoproduzione nei locali pubblici rientri all’interno delle procedure H.a.c.c.p. e che la produzione del ghiaccio venga inserita all´interno di tale manuale. In alternativa il ghiaccio per uso alimentare può essere acquistato presso ditte specializzate, aziende produttrici di ghiaccio alimentare confezionato certificato. Il Manuale per la corretta prassi operativa per la produzione di ghiaccio alimentare redatto con la supervisione del Ministero della Salute, ha da un anno fornito per la prima volta in Italia (e in Europa), un elenco dettagliato di tutte le procedure in grado di garantire che la filiera del ghiaccio offra al consumatore un prodotto privo di contaminanti di qualunque natura: fisici, chimici, ma soprattutto biologici». E alla domanda se occorre quindi un’azione più incisiva da parte delle Istituzioni, ha concluso Stucchi «Senz’altro. Da questo punto di vista l’Assessorato alla Salute della Regione Sicilia, in accordo con i NAS e le ASL, con lo stile puntuale e rigoroso che ha sempre contraddistinto questa istituzione, è attivo sul territorio per il rispetto di quanto indicato dal Manuale sostenendo azioni incisive di controllo da parte delle autorità competenti». Fra gli errori da non commettere per evitare le contaminazioni , prima fra tutte evitare di prendere il ghiaccio direttamente con il bicchiere, dato che la parte esterna di esso viene spesso toccata con le mani ed è quindi sporca. Altro consiglio da tenere a memoria è di pulire i rompighiaccio regolarmente. A tutti un buon cocktail… ma con del buon ghiaccio!
fonte : younipa
Alessandro Scollato

Commenta per primo

Rispondi