Un virus per poter sentire

Udire è un senso prezioso per l’uomo. La perdita dell’udito per traumi è risolvibile grazie ad apparecchi acustici, i quali non sono utili nei casi in cui la sordità è dovuta a difetti genetici di carattere recessivo o dominante.

sordità-genetica-infantile-1024x721

Il ricercatore Jeffrey Holt del Boston Children’s Hospital e professore presso Harvard Medical School, ha individuato, insieme a scienziati svizzeri e statunitensi, il gene TMC1 come responsabile dei casi di sordità familiare. Le cellule ciliate all’interno dell’orecchio convertono i suoni in segnali elettrici. Sopra le cellule ciliate sono presenti piccole strutture chiamate stereocilia formate dai canali TMC1; la stimolazione meccanica provoca l’apertura delle proteine canali e l’ingresso di ioni nella cellula induce il segnale elettrico al cervello che lo traduce in suono.

97803_large

A dare speranza ai bambini sordi è la terapia genica sperimentata dagli scienziati sui topi usando un virus, vettore ingegnerizzato, chiamato AAV1. Il virus adeno-associato che può ospitare inserti di 4,5 Kb dopo l’eliminazione del 95% del genoma virale originario, è stato testato su due tipi di topi mutanti, i primi con il gene TMC1 completamente eliminato (modello di mutazione recessiva per gli essere umani), tale mutazione nei bambini provoca totale sordità dalla nascita, i secondi con una mutazione dominante data dalla variazione di un solo aminoacido che nell’uomo è caratterizzato da una sordità graduale intorno i 10 anni.

AAV1 associato al promotore specifico per il gene TMC1, inserito nell’orecchio dei topi, in entrambi i casi ha ripristinato la capacità delle cellule ciliate e dopo 60 giorni di cure hanno iniziato a sentire circa 85 decibel, pari al rumore percepito in una macchina in movimento e riscontrato nelle reazioni comportamentali dei topi al rumore.

Più di 70 geni sono coinvolti nella sordità familiare e il gene TMC1 è responsabile solo per il 6% dei casi, per cui i ricercatori continuano gli studi sui topi sperando di poter utilizzare la cura sugli umani nei prossimi anni. Si riconfermano le potenzialità della terapia genica utilizzando il particolare vettore virale AAV1 già usato nella cura per la cecità. L’iniezione di un virus progettato su misura, regalerà la voce della mamma a tanti bambini?

Veronica Nerino

Fonte: Tmc gene therapy restores auditory function in deaf mice – Science Translational Medicine

Commenta per primo

Rispondi