Particolari batteri nell’intestino possono proteggere da malattie di origine alimentare

Campylobacter è la causa più comune di enteriti batteriche nei paesi sviluppati. Ma a differenza di altri patogeni enterici, i meccanismi utilizzati dall’organismo per provocare malattie sono ancora largamente sconosciute, dice il batteriologo Hilpi Rautelin.

image from http://s3.amazonaws.com/hires.aviary.com/k/mr6i2hifk4wxt1dp/14091915/ba58a6a6-203a-430b-9b0f-7ac3900637ff.png
Rendering 3D di Campylobacter. Credit: CDC / Melissa Brower

È noto da tempo che il microbiota può proteggere una persona dalla colonizzazione di microrganismi che causano malattie nel tratto intestinale. Tuttavia, si sa molto poco su come la flora intestinale influenza la suscettibilità dell’organismo a questi organismi, ed in particolare a Campylobacter “, dice Rautelin, professore presso l’Università di Uppsala e Uppsala University Hospital in Svezia. “Abbiamo voluto vedere se la composizione del microbiota intestinale umano gioca un ruolo nella suscettibilità alle infezioni da Campylobacter“.

Rautelin e colleghi hanno scoperto che, in effetti, la composizione specifica di specie batteriche nell’intestino di una persona può proteggere o aumentare la suscettibilità a Campylobacter. In particolare, le proporzioni elevate di Bacteroides e Escherichia possono predisporre gli esseri umani ad un’infezione da Campylobacter. Il team ha anche scoperto che l’infezione da Campylobacter può causare forti cambiamenti  nella composizione dei batteri intestinali.

Gli scienziati hanno eseguito diversi esperimenti su 24 addetti in tre macelli di pollame in Svezia – un ambiente ideale per studiare l’organismo, Rautelin dice. Il rischio di contrarre Campylobacter in un macello di pollo svedese è alta, soprattutto durante il picco estivo nel mese di giugno a settembre, quando circa il 25% al 40% di allevamenti di polli macellati sono Campylobacter-positivi.

I risultati mostrarono che coloro che erano Campylobacter-positivi avevano un’abbondanza significativamente più alta di organismi Bacteroides e Escherichia rispetto a quelli che erano negativi, suggerendo che queste specie batteriche probabilmente svolgono un ruolo importante nella resistenza alla colonizzazione. Questo gruppo ha avuto anche un’abbondanza significativamente più alta di specie Phascolarctobacterium e Streptococcus rispetto a quelli del gruppo di Campylobacter-negativo, che ha avuto una sovrarappresentazione di Clostridiales, Lachnospiraceae non classificati e specie di Anaerovorax.

Qualche mese più tardi, i ricercatori hanno osservato che gli individui Campylobacter-negativi avevano solo piccole differenze nel loro  microbiota intestinale, ma coloro che sono risultati positivi per Campylobacter hanno mostrato cambiamenti significativi rispetto a qualche mese prima. I ricercatori, però, non sanno ancora le implicazioni di questi cambiamenti, dice Rautelin.

Se la composizione del microbiota da solo o insieme con il sistema immunitario di un individuo svolge un ruolo significativo nell’eliminazione di Campylobacter dall’intestino resta da studiare.

Salvatore Gemmellaro

Fonte: American Society for Microbiology

Informazioni su Salvatore Gemmellaro 84 Articoli

Non ho mai fatto della Scienza solo una materia di studio ed una passione personale, ma l’ho sempre ammirata come un’opera d’arte. Riesco a vederne la bellezza. I miei contemporanei probabilmente vedono solamente basi di Rna, gli enzimi. Io vedo Picasso, le più stupende sculture della biologia, vedo i Virus. Sono laureando in Scienze Biologiche, ed intendo dar del mio, in futuro, nel mondo della ricerca scientifica.

Commenta per primo

Rispondi