Emicrania e batteri nitrati-riduttori. Che correlazione esiste e che cibi si devono evitare?

Uno scienziato,  Antonio Gonzalez, studia i microbi e la loro connessione con la salute umana. Sua moglie ha da sempre sofferto di forti mal di testa ed emicranie ed egli si accorse che avvenivano soprattutto quando lei mangiava certi cibi.

https://i1.wp.com/www.starbene.it/content/uploads/2016/01/emicrania.jpg?resize=640%2C426

Gonzalez stava studiando come batteri dell’intestino e della bocca influenzano la salute, ed in particolare come alcuni alimenti possano scatenare l’emicrania. Mentre continuava a ricollegare il tutto, si rese conto che i microbi simbiotici che vivono dentro di noi potrebbero svolgere un qualche ruolo nell’emicrania di cui tanto soffriva sua moglie.

Ogni volta che mia moglie mangiava hamburger di un qualche fast food, pizza ai peperoni o salame – qualsiasi tipo di carne con un sacco di nitrati insomma – le veniva  un’emicrania“, dice Gonzalez, ora analista programmatore nel laboratorio di Cavaliere presso l’Università della California di San Diego School of Medicine.

I Nitrati, sono un “innesco” per l’emicrania molto comune nell’alimentazione di alcuni dei 38 milioni di americani che soffrono di emicrania. I nitrati si trovano anche in farmaci cardiovascolari, perché una volta trasformati in ossido nitrico (NO) nel corpo, producono vasodilatazione. Fino all’80% dei pazienti trattati con nitrati hanno avuto forti mal di testa come effetto collaterale. Inoltre, i nitrati vengono ridotti da batteri presenti nella bocca in nitriti, che possono poi essere convertiti in NO dal corpo. Ma l’esatto meccanismo con cui i nitrati possono provocare mal di testa o emicrania è ancora sconosciuto.

Sono state effettuate diverse analisi a partecipanti che hanno sofferto di emicrania andando ad analizzare campioni orali e intestinali dei pazienti emicranici in modo tale da vedere se vi erano differenze significative nel taxa batterico presente nel loro organismo.

Utilizzando 172 campioni orali e 1.996 campioni fecali provenienti da soggetti sani, il team ha confrontato le sequenze di emicranici e non emicranici. “Non abbiamo trovato molte differenze nella composizione dei loro microbiomi “, dice Gonzalez.

Così, successivamente, il team ha deciso di analizzare i probabili geni rappresentati dalle specie che erano presenti per vedere se ci fossero differenze tra i geni che codificano per nitrati, nitriti e gli enzimi NO-riducenti. Il team ha scoperto che, in particolare nei campioni orali, questi geni erano più  presenti negli emicranici rispetto ai non-emicranici.

I genomi batterici possiedono reduttasi di nitrati, enzimi che sono il primo passo per la produzione di NO negli esseri umani“, dice Embriette Hyde, co-autrice dello studio. “Sapevamo già che i batteri che riducono il nitrato si trovano nella cavità orale e che producono effetti misurabili sulla pressione arteriosa, e adesso abbiamo anche  un potenziale collegamento con le emicranie “.

Gonzalez e Hyde dicono che il prossimo passo sarà quello di guardare in pazienti che soffrono di vari tipi di emicranie e vedere se l’attività dei geni è correlata allo stato di emicrania. “Allora potremo cominciare a pensare a come affrontare il problema delle emicranie,” dicono.

Questo potrebbe suggerire di ridurre la quantità di batteri nitrati-riduttori presenti nel microbioma della bocca del paziente. Ma, sarà anche importante trovare il giusto equilibrio di microbi per promuovere anche la salute cardiovascolare.

https://i1.wp.com/besport.org/sportmedicina/wp-content/uploads/2010/09/salumi-affettati.jpg?resize=405%2C270

Il messaggio per chi soffre di emicrania è che questo studio è una prova che essi dovrebbero evitare, quando possibile, i cibi che contengono nitrati nella loro dieta, come le bietole e il sedano, che sono i cibi che contengono più nitriti e nitrati in assoluto, seguiti dalle rape e dagli spinaci ma soprattutto i salumi conservati con nitriti andrebbero evitati. Si consiglia sempre di leggere le etichette degli alimenti ed evitare i cibi con nitrati aggiunti. Si possono riconoscere nelle etichette con i seguenti codici: I nitriti (E249, E250) e i nitrati (E251, E252).

Salvatore Gemmellaro

Fonte: American Society for Microbiology

Informazioni su Salvatore Gemmellaro 84 Articoli

Non ho mai fatto della Scienza solo una materia di studio ed una passione personale, ma l’ho sempre ammirata come un’opera d’arte. Riesco a vederne la bellezza. I miei contemporanei probabilmente vedono solamente basi di Rna, gli enzimi. Io vedo Picasso, le più stupende sculture della biologia, vedo i Virus. Sono laureando in Scienze Biologiche, ed intendo dar del mio, in futuro, nel mondo della ricerca scientifica.

Commenta per primo

Rispondi