Salmonella: da patogeno ad aiuto per la cura contro il cancro?

Da qualche anno la correlazione tra batteri e possibili cure per il cancro è emersa sempre di più. Nel caso della Salmonella, è già ben noto in studi precedenti che sia in grado, indirettamente, di indurre reazioni immunitarie che posso ostacolare le cellule tumorali.

download
Salmonella

L’attenzione di Beth A. McCormick, Professoressa di microbiologia e fisiologia alla UMass Medical School, durante lo studio dei meccanismi di infezione della Salmonella nelle cellule intestinali, si è focalizzata sulla proteina SipA (Salmonella invasion protein A), fattore di virulenza che stimola la polimerizzazione dell’actina e il riarrangiamento del citoscheletro permettendo l’ingresso nella cellula bersaglio. Scoperta casuale ma alquanto affascinate è l’effetto di tale proteina, di ridurre la pompa (glicoproteina di membrana) P-gp, facilitando l’entrata del patogeno. Presente sulla superficie cellulare, P-gp ha il compito di eliminare sostanze nocive per la cellule; nel caso dei tumori è un vero e proprio ostacolo per le cure chemioterapiche poichè aumentando la sua concentrazione, diviene “difensore” delle cellule tumorali, espellendo i farmaci e provocando farmaco resistenza.

03_3g61_composite
Proteina P-gp

Non potendo somministrate il batterio stesso, McCormick ha richiesto l’aiuto di Gang Han, Professore associato di biochimica e farmacologia molecolare alla UMMS ed esperto di nanomedicina, il quale ha ideato una nanoparticella d’oro ( materiale inerte), in grado di sostituire il batterio e stabilizzare la proteina SipA. La struttura della particella è ideale per raggiungere il tumore senza essere assorbita dalla maggior parte dei tessuti.

Testato su topi con tumore al colon e al seno (umanizzato), il micro- scaffold legato a SipA è stato associato al farmaco chemioterapico Doxorubicina ( utilizzato per la cura di molti tumori ). Dopo 30 giorni i tumori erano quasi scomparsi e non c’era nessun accumulo nei tessuti delle nanoparticelle.

syracuse-gold-nano

Studiando i meccanismi d’azione dei nostri “nemici” possiamo raggiungere traguardi eccezionali per la nostra salute? L’Università del Massachusetts Medical School non intende fermarsi qui, ma continuare con le sperimentazioni pre-cliniche. Continuiamo a confidare nei nostri ricercatori e a sperare in una cura per questo orrendo male.

Veronica Nerino

Fonte:

UMMs researchers make “startling” discovery that a Salmonella protein reduces drug resistance in tumors – UMASS MED NOW

Commenta per primo

Rispondi