Una nuova utile tecnologia: esami del sangue per malattie da prioni

http://www.the-scientist.com/images/Nutshell/December2016/US_Navy_090218-N-6326B-074_The_Naval_Medical_Center_San_Diego_(NMCSD)_Blood_Bank_confirms_the_blood_type_of_each_blood_product_donated_to_ensure_patients_receive_the_correct_specimen.jpg

Due studi descrivono metodi per rilevare queste proteine mal ripiegate in campioni di sangue umano

 

Migliaia di europei possono essere portatori asintomatici di una variante della malattia di Creutzfeldt-Jakob (vCJD), una malattia da prioni, fatale, che è la variante umana del morbo della mucca pazza. Ma ora, due studi recenti descrivono nuovi metodi per individuare anche la vCJD latente; questo potrebbe rendere più sicure le trasfusioni di sangue, aiutare la diagnosi precoce e il trattamento della malattia.

Le analisi del sangue hanno diagnosticato con precisione 32 pazienti tra i due studi, distinguendo quelli con la malattia da 391 controlli sani. In entrambi i casi, i test erano 100% sensibili e 100% specifici e, in uno degli studi, il test è riuscito ad identificare particelle vCJD di prioni in una donazione di sangue più di un anno prima della comparsa dei sintomi.

Vi è una nuova tecnologia e sembra promettente “ha detto Jonathan Wadsworth, un esperto di malattie da prioni presso l’University College di Londra.

Luis Concha-Marambio della University of Texas di Houston Medical School e colleghi hanno sviluppato un test del sangue e lo hanno testato su 14 persone con vCJD e su 153 controlli. Daisy Bougard dell’Università di Montpellier, in Francia e colleghi hanno testato una tecnica simile su 18 individui con vCJD e 238 senza.

Anche se i test sono leggermente diversi, entrambi coinvolgono i prioni amplificandoli in un campione di sangue e coltivandoli con normali proteine, sottoponendoli alle onde sonore, e quindi aggiungendo più proteine in ondate successive. Il processo imita l’ambiente ideale per un prione per replicare e, se il campione è infetto, le proteine sane cominciano a formare grumi e infettare altre proteine finché non ci sono così tante proteine anormali che la malattia diventa relativamente facile da rilevare. Se il campione non è infetto, le proteine rimangono normali.

Struttura cristallografica di prione

Claudio Soto, un neurologo presso l’Università del Texas Health Houston Medical School, ha fondato una startup per sviluppare la tecnologia e testare la sua precisione nei campioni più grandi. Ha detto che si aspetta che il test sia disponibile in commercio entro due anni, e ha aggiunto che la tecnica può anche aiutare per le malattie più comuni come il morbo di Alzheimer e il Parkinson.

Il problema più grande con tutte queste malattie del cervello è che quando la malattia si manifesta clinicamente, è sempre molto tardi e il cervello è già in gran parte distrutto” ha detto Soto.

Stiamo cercando di sviluppare un esame del sangue per individuare la malattia di Alzheimer e il morbo di Parkinson prima che i sintomi clinici della malattia appaiono, dando alle terapie maggiori possibilità di funzionare“.

Salvatore Gemmellaro

Fonte: The Scientist

Informazioni su Salvatore Gemmellaro 84 Articoli

Non ho mai fatto della Scienza solo una materia di studio ed una passione personale, ma l’ho sempre ammirata come un’opera d’arte. Riesco a vederne la bellezza. I miei contemporanei probabilmente vedono solamente basi di Rna, gli enzimi. Io vedo Picasso, le più stupende sculture della biologia, vedo i Virus. Sono laureando in Scienze Biologiche, ed intendo dar del mio, in futuro, nel mondo della ricerca scientifica.

Commenta per primo

Rispondi