Morta in Nevada una donna colpita da un batterio resistente ad ogni antibiotico disponibile negli Stati Uniti

antibiotic resistance bacteria multi drug resistant microbes laboratory testing cdcI funzionari della sanità pubblica dal Nevada stanno segnalando il caso di una donna morta a Reno nel settembre a causa di un’infezione incurabile. I  test hanno mostrato che un superbatterio si era diffuso in tutto il suo sistema e che potrebbe resistere a 26 diversi antibiotici.

È stato testato contro tutto ciò che è disponibile negli Stati Uniti … e nulla è stato efficace“, ha affermato Alexander Kallen, un ufficiale medico nel Centers for Disease Control and Prevention.

Altri scienziati stanno affermando che questo caso è un ulteriore segno che i ricercatori e i governi devono prendere sul serio la resistenza agli antibiotici.

Gli autori del rapporto sottolineano la necessità per gli ospedali di chiedere ai pazienti in arrivo riguardo ai loro viaggi all’estero e anche se e in quali altri ospedali sono stati recentemente ricoverati.

Il caso riguardava una donna che aveva trascorso molto tempo in India, dove i batteri multi-resistenti ai farmaci sono più comuni di quanto non siano negli Stati Uniti. Questa donna aveva rotto il femore destro mentre era in India un paio di anni fa.

Più tardi ha sviluppato un’infezione ossea nel femore e nell’anca ed è stata ricoverata un certo numero di volte in India nei due anni successivi.

Il suo ultimo ricovero in un ospedale in India è stato nel giugno dello scorso anno.

La donna è andata in ospedale a Reno per le cure a metà agosto, dove si è scoperto che era stata infettata con quello che viene chiamato CREenterobatteri resistenti ai carbapenemi. Questo è un nome generico per descrivere i batteri che normalmente vivono nell’intestino e che hanno sviluppato resistenza alla classe di antibiotici chiamati carbapenemi – un’importante “ultima linea di difesa” utilizzata quando tutti gli altri antibiotici falliscono.

Nel caso della donna, i batteri specifici che l’hanno attaccata sono Klebsiella pneumoniae, un batterio che è spesso causa di infezioni del tratto urinario.

https://i2.wp.com/www.statnews.com/wp-content/uploads/2017/01/14342-1024x576.jpg?resize=1024%2C576&ssl=1
Una forma pan-resistente di Klebsiella pneumoniae che ha ucciso una donna di 70 anni, in Nevada nel mese di settembre.

I test in ospedale hanno mostrato una resistenza a 14 farmaci – tutte le opzioni disponibili dell’ospedale. Un campione è stato poi inviato al CDC di Atlanta per ulteriori test, i quali hanno rivelato che nulla a disposizione dei medici degli Stati Uniti sarebbe stato in grado di guarire questa infezione.

I medici e gli scienziati che monitorano la diffusione della resistenza agli antibiotici – la rapida proliferazione dei superbatteri – vedono questo caso, come una grande bandiera rossa.

Se stiamo aspettando una sorta di segnale importante che ci dica che dobbiamo affrontare questo problema a livello internazionale, che abbiamo bisogno di un programma aggressivo, sia a livello nazionale che internazionale, per risolvere questo problema adesso lo abbiamo “, ha dichiarato Lance Price , che dirige il Antibiotic Resistance Action Center alla George Washington University.

Salvatore Gemmellaro

Fonte: STAT

Informazioni su Salvatore Gemmellaro 84 Articoli

Non ho mai fatto della Scienza solo una materia di studio ed una passione personale, ma l’ho sempre ammirata come un’opera d’arte. Riesco a vederne la bellezza. I miei contemporanei probabilmente vedono solamente basi di Rna, gli enzimi. Io vedo Picasso, le più stupende sculture della biologia, vedo i Virus. Sono laureando in Scienze Biologiche, ed intendo dar del mio, in futuro, nel mondo della ricerca scientifica.

Commenta per primo

Rispondi