Enigma: il codice segreto del raffreddore

Enigma!

Enigma. Un nome divertente per indicare l’ultima scoperta dei ricercatori in campo virale. Questo è infatti il nome che indica il codice segreto della famiglia dei virus più diffusi al mondo, che comprende quelli del raffreddore e della poliomielite, e che permette loro di replicarsi e formare nuove particelle virali.

Il prossimo step sarà quello di riuscire a “craccare” e neutralizzare questo codice. Impresa ovviamente non così facile, siccome è tanto nascosto e criptato da essere chiamato dai biologi ‘Enigma’, come la macchina usata dai Tedeschi per la crittografia durante la seconda guerra mondiale.

Questa strepitosa scoperta si basa su ricerche precedenti portate avanti dallo stesso gruppo, che aveva identificato una serie di segnali criptati nel genoma di un virus delle piante, la cui struttura somiglia a quella dei Parechovirus che infettano l’uomo e che causano molte malattie note, dal raffreddore alla poliomielite.

Adesso i ricercatori hanno aggiunto un tassello importante a tale ricerca: infatti, dopo aver scoperto “l’enigma”, sono anche riusciti ad identificarne la localizzazione, ovvero dove sono nascosti questi segnali, descrivendone i meccanismi e riuscendo ad ampliare e validare il concetto per tutta la famiglia di virus. Infatti, in precedenti ricerche, si riteneva che il segnale provenisse da un’unica zona del genoma, ma è stato ora appurato che sono regioni diverse del genoma che lavorano in sintonia a consentire la formazione delle particelle virali.

Avere scoperto che il meccanismo è identico in tutti i ceppi significa che un singolo farmaco potrebbe essere usato contro tutti questi virus, cosa impossibile con un vaccino. I ricercatori stanno già lavorando a questo progetto, esaminando i farmaci antivirali che potrebbero bloccare questi segnali, con lo scopo di renderli fruibili al più presto.

Ormai, individuato il codice, la sua posizione ed il meccanismo con cui agisce, basta scoprire quali molecole sono in grado di interagire con tale processo e bloccarlo definitivamente, annientando tutti i virus della famiglia Parechovirus e chissà quanti altri in futuro.

Le jeux son fait…Il grande enigma è stato svelato!

Fonte: ANSA.it

Raluca Stoica

Commenta per primo

Rispondi