Le alterazioni del microbioma da parte dei farmaci non antibiotici

Un recente studio pubblicato sulla rivista Nature e condotto da un gruppo di ricercatori dell’European Molecular Biology Laboratory ha dimostrato l’effetto collaterale che esercitano i farmaci non antibiotici sul nostro microbioma.
Per microbioma si intende l’insieme di microrganismi residenti nel nostro intestino e responsabili di diversi processi fisiologici (figura 1). In tale studio sono stati testati 1197 composti contro 40 batteri rappresentativi del microbioma umano, in condizioni anaerobiche e alla temperatura di 37° C. Molti ceppi erano commensali, ma c’erano anche 4 patobionti (Clostridium difficile e Clostridium perfrigens, Fusobacterium nucleatum e un ceppo enterotossigeno di Bacteroides fragilis), un probiotico (Lactobacillus paracasei) e 2 specie commensali di Clostridium (C. ramosum e C. saccharolyticum).

Figura 1. Il microbioma e le sue funzioni.
Dai risultati è emerso che il 27% dei farmaci non antibiotici alterano il microbioma. È il caso dei farmaci che inibiscono la pompa protonica e che, in questo studio, è stato dimostrato che avevano un’attività anti-commensale. Tale classe di farmaci, infatti, influenza la composizione del microbioma intestinale, cambia il pH dello stomaco e influenza i batteri che raggiungono l’intestino. Ulteriori farmaci con attività anti-commensale sono i farmaci che bloccano i canali per il calcio, gli anti-psicotici, gli anti-diabetici, gli anti-metaboliti e i farmaci anti-infiammatori non steroidei.
Le alterazioni provocate dai farmaci non antibiotici sul microbiota si traducono nella promozione dell’antibiotico-resistenza. Tale studio è il primo a documentare in modo sistematico le interazioni tra i farmaci presenti sul mercato e i singoli batteri intestinali, ma sono necessari studi in vivo per testare tali risultati e per poter meglio capire i meccanismi che stanno alla base.

Irene Magnoli

Fonti :
extensive impact of non-antibiotic drugs on human gut bacteria
un farmaco su quattro altera il microbioma

Commenta per primo

Rispondi