I germi che amano la Diet Soda

Ci sono molte ragioni per evitare gli alimenti cosiddetti processati. Sono spesso pieni di zuccheri, grassi e sale e privi di alcuni nutrienti essenziali per la salute, come le fibre. Una nuova ricerca suggerisce che alcuni degli additivi che prolungano la durata di conservazione e migliorano la consistenza di questi alimenti possono avere effetti collaterali non intenzionali. Non direttamente sui nostri corpi, ma sul microbioma umano, sui trilioni di batteri che vivono nelle nostre viscere. Queste sostanze possono nutrire in modo selettivo i “membri più pericolosi” delle nostre comunità microbiche, causando malattie e persino la morte.

Si consideri l’aumento dei casi mortali di Clostridium difficile, una terribile infezione dell’intestino. Il batterio tende a colpire subito dopo aver preso gli antibiotici per curare qualcos’altro. Quegli antibiotici uccidono i microbi nativi, permettendo al batterio di muoversi. Quasi mezzo milione di persone sviluppano l’infezione ogni anno, e circa 29.000 muoiono, a volte dopo lunghi periodi di dolorosa e cruenta diarrea. Secondo una stima, i decessi legati a C. difficile sono aumentati di cinque volte tra il 1999 e il 2007.

Uno dei motivi per cui il batterio sia diventato più virulento è che ha sviluppato resistenza agli antibiotici e non è altrettanto facilmente curabile. Alcuni anni fa, Robert Britton, un microbiologo del Baylor College of Medicine, scoprì qualcos’altro sul C. difficile. Ha raccolto oltre 200 zuccheri e amminoacidi presenti nell’intestino per vedere se questi microbi utilizzassero meglio una fonte di cibo rispetto ad altre. I risultati della loro ricerca, pubblicati sulla rivista Nature, suggeriscono un adattamento: due dei ceppi hanno una capacità unica di utilizzare uno zucchero chiamato trealosio.

Il trealosio si trova naturalmente in funghi, lieviti e molluschi. Storicamente molto costoso, alla fine degli anni ’90 un nuovo processo di produzione ha reso lo zucchero a buon mercato. Questa era una buona notizia per le aziende che producevano alimenti preconfezionati, perché il trealosio funziona alla grande per stabilizzare gli alimenti trasformati, mantenendoli umidi sullo scaffale e migliorando la consistenza. Dal 2001, ne abbiamo aggiunto moltissimo a tutto, dai biscotti alla carne macinata.

Ciò che il Dott. Britton e i suoi colleghi sostengono è che, così facendo, abbiamo inavvertitamente coltivato i ceppi di C. difficile più tossici, guidando quella che è diventata una piaga degli ospedali. Come prova, indica i tempi delle recenti epidemie. I ceppi virulenti esistevano prima del 2000, ma non causavano altrettanti epidemie. Solo dopo che grandi quantità di trealosio sono entrate nella riserve di cibo allora le epidemie sono diventate pericolose.

Risultati immagini per c. difficile bacteria

“Ciò che questa ricerca dimostra è che le persone dovrebbero prendere in considerazione l’impatto ecologico degli alimenti”, ha detto il Dottor. Britton. “I nostri batteri intestinali vengono bombardati da cose che non abbiamo mai mangiato, o mai mangiato nelle concentrazioni che mangiamo ora”.

Il trealosio non è probabilmente l’unico fattore alla base dell’aumento di C. difficile. I topi infettati da quei ceppi virulenti che consumavano lo zucchero erano maggiormente predisposti alle malattie rispetto ai topi infetti che non venivano nutriti con lo zucchero.

Gli additivi alimentari comuni possono spingere le nostre comunità microbiche in direzioni insalubri, non solo potenzialmente aiutando l’emergere di nuovi agenti patogeni, ma anche incoraggiando malattie come l’obesità, il diabete e le malattie infiammatorie dell’intestino. I microbi possono rapidamente cambiare in risposta ai nuovi alimenti, aiutandoci a consumare calorie da una più ampia varietà di alimenti che normalmente i nostri corpi potrebbero consentire.

La nostra dieta zuccherina e unta porterà i microbi delle popolazioni occidentalizzate ad adattarsi con difficoltà al corpo umano.

Christine McDonald, una scienziata della Cleveland Clinic, ha scoperto qualcosa di molto simile con la maltodestrina, addensante alimentare, che sembra possa ridurre la barriera di muco nei topi e nutrire un ceppo di E. coli legato alla malattia di Crohn, una malattia infiammatoria intestinale. I microbiomi dei pazienti con Crohn, ha scoperto, hanno una maggiore capacità di abbattere la maltodestrina rispetto a persone senza la malattia, suggerendo che i germi potenzialmente alla base della malattia traggono profitto dalla questa sostanza. La prevalenza della malattia infiammatoria intestinale è bruscamente aumentata negli ultimi decenni.

Poi ci sono dolcificanti artificiali come il sucralosio e la saccarina, che consumiamo in bibite dietetiche e spuntini “senza zucchero” nella speranza di ridurre le calorie.

Scienziati dell’Istituto di Scienza di Weizmann in Israele hanno scoperto che, nei topi, la saccarina causa intolleranza al glucosio, un indicatore del diabete imminente. Quando gli scienziati hanno trapiantato i microbi dai topi alimentati con saccarina ai topi che non avevano consumato il dolcificante, gli animali riceventi hanno sviluppato anche intolleranza al glucosio, suggerendo che il microbioma deformato dal dolcificante, non il dolcificante stesso, stava causando i problemi.

Gli scienziati hanno anche sfamato un piccolo gruppo di persone sane con bevande zuccherate per una settimana. In un sottogruppo di volontari, si sono verificati cambiamenti microbici accompagnati da una crescente intolleranza al glucosio. Quindi, per alcune persone, le bevande dietetiche potrebbero non essere più salutari delle bibite gassate.

La grande domanda è se gli additivi alimentari siano peggiori della dieta ad alto contenuto di zuccheri e grassi, di cui sono spesso componenti. Detto in altro modo, aggiungere maltodestrina al frullato supersize lo rende davvero più dannoso di quanto non fosse?

Il lavoro del Dr. Britton suggerisce che, sì, gli additivi possono causare ulteriori danni. Dopo tutto, gli americani stavano mangiando cibo spazzatura molto prima che i virulenti ceppi di C. difficile iniziassero a causare il caos; il trealosio potrebbe aver ulteriormente inclinato la bilancia.

Se questo è vero, gli ospedali, che spesso servono alimenti altamente trasformati, dovrebbero rivalutare i loro menu? Che dire dei medicinali, che possono contenere addensanti, dolcificanti artificiali e stabilizzanti, dovrebbero essere rivalutati?

Abbiamo bisogno di più ricerche per vedere se ciò che gli scienziati osservano nei topi si verifica anche nelle persone.

Alice Marcantonio

Fonti:

  1. Nickerson KP, et al. Crohn’s disease-associated adherent-invasive Escherichia coli adhesion is enhanced by exposure to the ubiquitous dietary polysaccharide maltodextrin. PLoS One. 2012;7(12):e52132.
  2. Jotham Suez, et al. Artificial sweeteners induce glucose intolerance by altering the gut microbiota. Nature volume 514, pages 181–186 (09 October 2014).

  3. Collins J., et al. Dietary trehalose enhances virulence of epidemic Clostridium difficile. Naturevolume 553, pages 291–294 (18 January 2018).

Commenta per primo

Rispondi