Scoperta l’origine dello Staphylococcus aureus

Il suo nome è Staphylococcus aureus resistente alla meticillina, ma è meglio conosciuto come MRSA. Forse il suo nome non dice molto, ma Staphylococcus è un “superbug” che è resistente a molti antibiotici.

Ora, uno studio che è appena stato pubblicato su Nature Ecology & Evolution (https://www.nature.com/articles/s41559-018-0617-0 )ha sequenziato il genoma di questo battere. I ricercatori sono stati in grado di risalire alle sue origini  e dei suoi antenati. Hanno scoperto che, probabilmente dalle origini del bestiame, circa 10.000 anni fa, Staphylococcus era già in grado di “saltare” tra gli animali e gli esseri umani. I risultati suggeriscono anche che l’ospite iniziale di questo batterio era l’uomo.

In uno studio molto esteso, i ricercatori hanno sequenziato il genoma completo di questo microrganismo, estratto da un ampio campione di umani e mucche. Lì hanno studiato i cambiamenti genetici che, presumibilmente, hanno aiutato S. aureus ad adattarsi a nuovi organismi nel corso dei millenni.

I dati hanno anche dimostrato che le mucche sono ancora una fonte di infezioni da MRSA in tutto il mondo oggi.

Ruba i geni per sopravvivere

Le analisi genomiche hanno anche confermato che, quando il batterio si spostava da una specie ospite a un’altra, “rubava” alcuni geni che gli permettevano di sopravvivere più a lungo. Tra questi geni ci sono sequenze che danno resistenza agli antibiotici e sono ciò che li rende superbi.

Un’altra cosa che hanno osservato è che le sequenze di resistenza agli antibiotici sequestrate da questi microbi non sono sempre le stesse negli ospiti umani e animali. Ciò riflette il fatto che entrambi non usano gli stessi antibiotici.

Oltre a ciò, la profonda impronta genetica analizzata in questa occasione ha dimostrato che i batteri hanno imparato a diversificare la loro dieta. Ad esempio, lo Staphyloccocus estratto dalle mucche da latte è più attivo nell’uso del lattosio come sostanza nutritiva.

Gli autori sottolineano che tutto questo è un esempio di come l’influenza umana altera l’ecologia di un microrganismo specializzato nel vivere a spese di diverse specie.

Questo è particolarmente importante perché può aiutare a capire e tenere traccia di MRSA: “Le nostre osservazioni sottolineano l’importanza del monitoraggio epidemiologico in dettaglio, in modo che i diversi ceppi con il potenziale di causare epidemie vengono scoperti al più presto possibile”, ha detto in una dichiarazione Jukka Corander, co-autore dello studio e ricercatore presso l’Università di Helsinki (Finlandia).

Con questa ricerca approfondita sarà ora più facile sviluppare strategie per ridurre al minimo il rischio che nuovi ceppi possano contagiare l’uomo

Questo può essere molto rilevante. Grazie all’evoluzione e selezione naturale, e con la spinta di abuso di antibiotici, Staphylococcus è diventato invulnerabile a diversi antibiotici, come la penicillina, meticillina, oxacillina e cefalosporine. È diventato anche un microbo comune negli ospedali, nelle prigioni e negli ospedali psichiatrici, dove ci sono molte persone ferite o debilitate. Inoltre, è un’esperto nel “salto” dagli animali agli umani e viceversa. È così che provoca infezioni della pelle, del sangue e dei polmoni che a volte hanno gravi conseguenze.

 

Fonti:

abc.es

Nature ecologi & evolution

Legionella Risk Manager e formatore professionista laureato in Biotecnologie si occupa di Rischio Biologico e prevenzione nei luoghi lavorativi e non solo.

Informazioni su AndreaMiano 12 Articoli
Legionella Risk Manager e formatore professionista laureato in Biotecnologie si occupa di Rischio Biologico e prevenzione nei luoghi lavorativi e non solo.

Commenta per primo

Rispondi