Stai diffondendo dei virus senza saperlo?

Molte malattie infettive sono insidiose nella loro diffusione, questo accade poiché non tutti coloro che sono colonizzati presentano i sintomi della malattia. 

Ogni volta che una persona incontra un potenziale agente patogeno microbico nasce una competizione tra il numero di microbi che cercano di insediarsi e stabilirsi in una nuova “casa” e il sistema immunitario della persona, che cerca di tenere fuori gli invasori. Nel corso di questa battaglia, le persone che sono transitoriamente colonizzate possono fungere da vettori, passando cioè il microbo ad altri senza ammalarsi. Allora, in che modo i ricercatori possono studiare la trasmissione microbica in persone che non si ammalano?

Un episodio dello show televisivo Scrubs, illustra in modo ironico la trasmissione di malattie infettive all’interno di un ospedale. La trasmissione è illustrata come una luce verde incandescente che passa tra le superfici e le persone contaminate. Potrebbe non essere del tutto preciso, ma non è neanche lontanissimo da quanto avviene in realtà.

I virus possono essere ancora più difficili da tracciare. 

Un nuovo articolo di mSphere riporta uno studio su vasta scala del trasporto di virus umani che potrebbe aiutare gli scienziati e i funzionari della sanità pubblica a capire meglio come i virus vengono trasmessi allo stesso modo da quelli senza sintomi.

Il primo autore Ruthie Birger e lo scienziato Jeffrey Shaman hanno lavorato con un team di scienziati per reclutare volontari in giro per New York. I volontari hanno dato la loro età e hanno descritto se stavano vivendo sintomi di malattia respiratoria. I tamponi nasali di ciascun volontario sono stati testati per virus respiratori comuni, tra cui adenovirus, coronavirus, metapneumovirus umano, rhinovirus, virus dell’influenza, virus respiratorio sinciziale e virus della parainfluenza

Tra le 2.685 persone testate sia in estate che in inverno, il 6,2% dei partecipanti (168 persone) è risultato positivo per 1 dei virus respiratori sottoposti a screening. Metà dei volontari sono stati reclutati e testati in estate e metà in inverno; il gruppo estivo presentava il 5,6% dei partecipanti positivi, mentre il gruppo invernale presentava il 7,0%dei partecipanti positivi.

Percentuali di test individuali positivi per ciascun virus per il braccio estivo, il braccio invernale e tutti i partecipanti. I numeri sopra ogni barra rappresentano il numero assoluto di casi positivi. Fonte .

Figura 1. Percentuali di test individuali positivi per ciascun virus per il braccio estivo, il braccio invernale e tutti i partecipanti. 
I numeri sopra ogni barra rappresentano il numero assoluto di casi positivi. 
Fonte

I virus circolanti predominanti differivano anche tra i gruppi stagionali. Il rhinovirus umano dominava in estate (71,0% delle infezioni positive) e il coronavirusdominava in inverno (57,8% delle infezioni positive) (Figura 1). 

Il tasso di trasporto complessivo era piuttosto basso, probabilmente perché solo gli adulti erano inclusi nello studio. Studi simili sono stati condotti su bambini, che hanno tassi di trasporto asintomatici ampiamente variabili che sono tuttavia superiori a quelli degli adulti. 

È importante sottolineare che oltre la metà dei partecipanti che sono risultati positivi non ha presentato sintomi auto-descritti. Queste sono le persone che trasportano e possibilmente trasmettono virus senza saperlo. Possono essere presintomatici, ma è probabile che alcuni rimangano portatori asintomatici e non si rendano mai conto di trasmettere i virus. Capire quanti trasmettitori asintomatici ci sono può aiutare i funzionari sanitari a pianificare campagne di sensibilizzazione pubblica e fornire stazioni di lavaggio delle mani per aiutare a prevenire la diffusione del virus a persone immunocompromesse o altrimenti sensibili.

Salvatore Gemmellaro

Fonte: American Society of Microbiology

Ulteriori letture:

Informazioni su Salvatore Gemmellaro 98 Articoli
Non ho mai fatto della Scienza solo una materia di studio ed una passione personale, ma l’ho sempre ammirata come un’opera d’arte. Riesco a vederne la bellezza. I miei contemporanei probabilmente vedono solamente basi di Rna, gli enzimi. Io vedo Picasso, le più stupende sculture della biologia, vedo i Virus. Sono laureato in Scienze Biologiche, ed intendo dar del mio, in futuro, nel mondo della ricerca scientifica.

Commenta per primo

Rispondi