Tryptic Soy Agar (TSA)

Perchè si usa?

Il Tryptic Soy Agar, maggiormente noto como TSA, è uno dei terreni di coltura generici più usati nel mondo della Microbiologia e questo sicuramente si deve alla sua capacità di supportare la crescita di un’ampia varietà di microrganismi (batteri, funghi e muffe). In particolare, il TSA è indicato per l’enumerazione di microrganismi nei prodotti non sterili, secondo le raccomandazioni del metodo armonizzato nelle Farmacopee Statiunitense (USP), Europea (EP) e Giapponese (JP).

Grazie alle sue propietà nutrizionali, all’assenza di inibitori ed alla possoibilitá di essere supplementato con diversi altri composti, il TSA viene spesso utilizzato per l’isolamento di patogeni, per lo studio di microrganismi a crescita fastidiosa, per il mantenimento di ceppi da collezione e per processi fermentativi.

Come funziona?

Il digerito pancreatico di caseina e quello papaico di semi di soia forniscono aminoacidi, azoto carbonio, minerali, vitamine ed altre sostanze nutrienti per la crescita dei microrganismi. Allo stesso tempo, il cloruro di sodio facilita il bilancio osmotico del terreno, mentre l’agar viene introdotto come sostanza solidificante per colture su piastre Petri.

Composizione del terreno

  • Digerito pancreatico di Caseina 15 g/L
  • Digerito Papaico di Semi di Soia 5.0 g/L
  • Sodio Cloruro 5.0 g/L
  • Agar 15.0 g/L

pH Finale a 7.3 ± 0.2 a 25 °C

Preparazione del terreno

La preparazione del TSA è molto semplice e non richiede altro che combinare gli ingredienti necessari in un flacone a bagnomaria termoregolato a 100 °C. L’eventuale aggiunta di supplementi nutrizionali al terreno di base, si effettua una volta raffreddato il terreno a 45-50 °C.

Controllo di qualità

Le piastre di TSA vengono incubate con i microrganismi indicati nella tabella seguente, incondizioni aerobiche, a 32 ± 2.5 °C per 18-24 ore (batteri) o a 22.5 ± 2.5 °C fino a 3 giorni (lieviti e muffe).

Risultati della crescita

Microrganismo

Staphilococcus aureus

Escherichia coli

Pseudomonas aeruginosa

Bacillus subtilis

Salmonella Typhimurium

Candida albicans

Aspergillus brasiliensis

Crescita

Buona

Buona

Buona

Buona

Buona

Buona

Buona

Modifiche al terreno

Come abbiamo precedentemente accennato, il TSA si presta bene all’aggiunta dei supplementi nutrizionali più svariati, Tra questi, il sangue è l’additivo più comune, a concentrazioni variabili tra il 5% e il 15% sotto forma di sangue defibrinato (di coniglio, cavallo, montone, uomo). In questo caso, il colore del terreno, anche dopo l’incubazione, rimane di un rosso vivo dimostrando il mantenimento dell’integrità dei globuli rossi.

Immagini

Figura 1 – Colonie tipiche di Pseudomonas aeruginosa ed Escherichia coli su TSA
Figura 2 – Colonie di Staphylococcus aureus su TSA
Figura 3 – Colonie di S. aureus e S. epidermidis in Tryptic Soy Agar

Bibliografia

Informazioni su Serena Galié 39 Articoli
Laureata in Biotecnologie Mediche con curriculum internazionale in Management in Medical Biotechnology presso l'Università Alma Mater Studiorum di Bologna. Master in Biotechnology of Environment and Health presso l'Università di Oviedo, in Spagna. Attualmente studentessa di un PhD in Nutrizione e Metabolismo presso l'Università Rovira I Virgili, a Tarragona in Spagna.

Commenta per primo

Rispondi