giosuè ruggiano

Foto dell'autore
Aflatossine

Aflatossine

Le aflatossine (o afflatossine) sono micotossine prodotte da specie fungine appartenenti alla classe degli Ascomiceti (genere Aspergillus, Fusarium), oppure da altre muffe; altamente tossiche, sono tra le sostanze più cancerogene esistenti. In condizioni ambientali favorevoli le spore degli Aspergillus germinano e successivamente colonizzano le granaglie (cereali, legumi, semi oleosi) e la frutta secca, da queste possono trasferirsi ai carboidrati derivati (farine).

Afasia

Afasia

L’afasia (dal greco ἀφασία = non parola) è la perdita della capacità di comporre o comprendere il linguaggio; Non rientrano nelle afasie disturbi del linguaggio causati da deficit sensoriali primari, da deficit intellettivi, da disturbi psichiatrici o da debolezza dell’apparato muscolo-scheletrico.

Ace inibitori

ACE Inibitori

Gli ACE-inibitori sono farmaci che trovano impiego specialmente nella terapia dell’ipertensione arteriosa, del post-infarto del miocardio e dell’insufficienza cardiaca cronica. Questi farmaci sono inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE, ossia Angiotensin Converting Enzyme), che fa parte di una cascata regolatrice della pressione arteriosa (sistema renina-angiotensina-aldosterone).

Aelurostrongylus abstrusus

Aelurostrongylus abstrusus

Da alcuni anni a questa parte in parassitologia veterinaria è aumentata l’attenzione sui cosiddetti strongili bronco-polmonari, vermi che possono infestare numerose specie di animali domestici, sia d’affezione che da reddito. Dai risultati emersi da una ricerca europea pubblicata nel 2017, il 38,8% dei gatti campionati è risultato affetto da almeno un parassita e il 10,6% è affetto da parassiti polmonari, di cui il più diffuso è risultato essere Aelurostrongylus abstrusus (78,1%).

Inibitori della trombina

Inibitori della trombina

Gli anticoagulanti orali diretti o DOAC dall’inglese direct-acting oral anticoagulants, sono una classe di farmaci anticoagulanti diversi da quelli tradizionali (eparina e warfarin) perché agiscono direttamente sui fattori della coagulazione: la trombina (o fattore II) oppure il fattore Xa.

Artrite settica

Artrite settica

L’artrite settica ( o infettiva) consiste nell’infezione di un’articolazione dovuta alla presenza di microrganismi patogeni all’interno del liquido sinoviale (o articolare) che normalmente è sterile; non è da confondere con il reumatismo articolare post-infettivo, un quadro in cui, a seguito di un’infezione virale delle vie aeree, l’organismo sviluppa degli auto-anticorpi che si dirigono contro un’articolazione provocando dolore e rialzo della temperatura. In quest’ultimo caso, sebbene i sintomi possano sembrare molto simili, l’articolazione interessata non è infetta.

Crenosoma vulpis

Crenosoma vulpis

Il Crenosoma vulpis è un nematode metastrongilide principalmente associato a infezioni delle vie respiratorie delle volpi rosse in Nord America e in Europa, in casi sporadici è anche
stato segnalato nei cani domestici e non infesta l’uomo.

La scarlattina

La scarlattina

La scarlattina è una malattia esantematica – si presenta, cioè, con un caratteristico esantema, ovvero un’eruzione cutanea diffusa sulla pelle – e infettiva; è l’unica tra le malattie esantematiche (morbillo, rosolia, varicella, parotite, quarta malattia, quinta malattia, sesta malattia, sindrome bocca-mani-piedi) a non essere causata da un virus. Di solito, si presenta in forma non molto grave, anche se altamente contagiosa, e può essere curata dal medico di famiglia mediante la prescrizione di antibiotici, anche se molto raramente, può presentarsi nuovamente nella stessa persona.

Malassezia pachidermatis

Malassezia pachydermatis

Malassezia pachydermatis è un lievito zoofilo nella divisione Basidiomycota. Fu isolato per la prima volta nel 1925 da Fred Weidman, e chiamato pachydermatis (greco “pelle spessa”) perchè il campione proveniva da un rinoceronte indiano. M. pachydermatis è fungo commensale, tuttavia, può agire come un agente patogeno opportunistico in circostanze speciali ed è stato visto causare infezioni della pelle e dell’orecchio.