Serendipita indica: fungo in simbiosi con il pomodoro

Serendipita indica, fungo in simbiosi con piante di pomodoro, sulla scia dei romanzi persiani, e dello Zadig di Voltaire.

La serendipità. Concetto liquido, adsorbito sulla superficie della densa ricerca scientifica mondiale. Presta il proprio lemma benaugurante ad un fungo, in simbiosi proficua con piante di pomodoro. Quali felici soluzioni porterà con sé, che neppur si valutavano?

Coffea L., il diavolo, ed il micobiota. Prospettive future

Il diavolo, nella tradizione persiana, e nel chicco di Caffea L. Coltura protetta dal suo micobiota.

Il caso della Coffea arabica, e del suo specie-specifico micobiota: il microbiota fogliare fungino.
Il mondo dei funghi, promette alternative salubri, al biocontrollo chimico, in campo. E, contemporaneamente, il suo ermetico potenziale, incide i profili metabolici delle pazienti ospiti verdi.

Phaseolus vulgaris e peste. I funghi: gli epici cavalieri.

L’intervento epico dei funghi Trichoderma, a protezione delle nostre colture di Phaseolus vulgaris L., dalla peste del tonchio del fagiolo, è un passo. L’ennesimo, in una ricerca di lungo corso, volta a salvare il salvabile, di questo κόσμος, dalle venefiche promesse della chimica.

Soia «inaffondabile», con biochar e Rhodobacter spp.

Soia inaffondabile, più del Sultana, ed altri transatlantici, grazie a biochar e Rhodobacter spp.

C’è stato un lungo tratto, a cavallo tra XIX e XX secolo, in cui il positivismo spinto, si è pagato con memorabili stragi d’affondamento. Tributi, alla divina nemesi, o, più razionalmente, errori. Somma di errori, che, come oggi in campo ecologico, è ripiovuta, e ripiove, copiosa, su ogni produzione umana. Il global warming, per esempio, porta con sé, come chirale riflesso, alluvioni, inondazioni, sommersioni delle colture. Tra queste, i legumi, con l’altera, allotria, soia, soffrono, più di altre, l’eccesso di irrorazione. Quindi, finchè non saremo in grado di invertire la rotta, attendendo poi un perdono atmosferico, ci resta solo l’irrobustimento delle attitudini organiche. A questo guarda, il nuovo studio sul connubio microbico-minerale, Rhodobacter sphaeroides-biochar.

Permafrost, sostanza organica e funghi: le tre Parche

Come le Parche, permafrost, sostanza organica e funghi, tengono in mano il filo del nostro esistere.

Il permafrost crea le condizioni; la sostanza organica, in esso contenuta, è latente garanzia, e minaccia, alla nostra durata; i funghi, soffrendo a fondo le variazioni ecosistemiche nei suoli, sono il coperchio sul vaso di Pandora. O sul tracollo ambientale, se si preferisce. Come altri infiniti, e ignorati, agenti biologici. Loro sì, padroni del mondo.

Ureasi microbiche: dai suoli d’Etiopia, enzimi versatili

L’Etiopia, è terra di fratture, tra porzioni di crosta terrestre, ed umane fazioni, eternamente divise da genìe ed ingordigie.
Ma i suoli, tanto offesi e contesi, sono forzieri di memorie fossili e di brulicante vita microbica. I batteri produttori di enzimi, le ureasi, una volta temute ed oggi anelate, infatti, sono solo l’ultimo dono del vecchio continente, pregno e prodigo.