Haloquadratum walsbyi:un microrganismo a forma di wafer

Haloquadratum walsbyi è un microrganismo alofilo, cioè in grado di vivere in ambienti acquosi con elevate concentrazioni saline. La capacità di sopravvivere in ambienti cosi estremi sembra essere attribuibile alla presenza di una proteina nota come alomucina.
E’ un microrganismo abbastanza particolare e noto per la sua caratteristica forma quadrata o rettangolare e piatta, che ricorda quella di un wafer. E’ rigorosamente aerobio e metabolizza principalmente piruvato e diidrossiacetone. E’ inoltre in grado di crescere fototroficamente grazie all’azione di tre proteine fotoattive. Nelle cellule sono presenti vescicole di gas e granuli di poli-idrossibutirrato che svolgono importanti funzioni.

Sulfolobus acidocaldarius

Sulfolobus acidocaldarius è un microrganismo termoacidofilo e strettamente aerobio appartenente al dominio degli Archea e al phylum dei Crenarchaeota. In virtù di alcune somiglianze con gli eucarioti, è spesso utilizzato come modello per studi di Biologia Molecolare. Nonostante prediliga vivere in ambienti estremamente caldi, che potrebbero minare la sua integrità genomica, mostra un tasso di mutazione estremamente basso. Questo è reso possibile grazie alla presenza di rapidi ed efficienti sistemi di riparo del DNA. Sulfolobus acidocaldarius possiede peculiari caratteristiche,tra cui la capacità di secernere microvescicole ,che rappresentano validi strumenti da utilizzare per applicazioni biotecnologiche.

Deinococcus radiodurans, il batterio resistente alle radiazioni

Deinococcus radiodurans è un batterio gram positivo capace di sopravvivere per un tempo prolungato a radiazioni superiori ai 200 nm.