La tettonica delle placche cela un enorme ecosistema microbico

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Un enorme ecosistema microbico, celato tra la crosta continentale e il mantello terrestre, non aspetta altro che essere studiato. Questo è ciò che è emerso dal nuovo studio pubblicato su Nature Geoscience.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La radioattività e il biorisanamento: microrganismi supereroi in soccorso 2

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’energia nucleare e la radioattività delle scorie, rappresentano una sfida ambientale, e i microrganismi vengono in nostro soccorso.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Come si sono evoluti i magnetosomi nei batteri magnetotattici?

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Come si sono evoluti i magnetosomi nei batteri magnetotattici? I batteri magnetotattici (MTB) rappresentano un affascinante gruppo polifiletico di batteri. Questi microrganismi vivono negli ambienti acquatici e sono distribuiti pressoché globalmente. All’interno dei corpi idrici prediligono zone a basso contenuto di ossigeno e si trovano spesso nell’interfaccia ossico-anossica della colonna d’acqua oppure nei sedimenti. In … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Power-to-Protein: le proteine sostenibili per l’ambiente

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Tutti abbiamo in mente la scena di un film di fantascienza in cui i cibi del futuro sono degli “intrugli” di proteine, pillole colorate contenenti tutti le sostanze nutrienti essenziali, oppure cibi tradizionali ma di origine sintetica, come la pizza che si idrata, conservata in piccoli sacchetti e pronta a diventare fino venti volte più … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il microbioma dei pipistrelli può sincronizzarsi socialmente

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Un recente studio condotto sui pipistrelli della frutta ha rivelato che, per i membri di una stessa colonia, il microbioma della loro pelliccia può sincronizzarsi socialmente. Gli amici più stretti condividono anche i micorganismi Si dice che il legame che unisce gli amici è invisibile. Chi l’avrebbe mai detto che questa affermazione potesse essere vera … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Oh Christmas tree! sui nostri alberi luci, decorazioni e… tanti microrganismi

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

“Oh Christmas tree, oh Christmas tree…” tutti abbiamo ascoltato questa canzone almeno una volta nella nostra vita, ma c’è qualcuno che la conosce meglio di noi! Da qualche settimana l’albero di Natale risplende nei nostri salotti. Oltre a rendere più magica l’atmosfera natalizia, sapevate di accogliere in casa un gran numero di ospiti? La biodiversità … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Batteri, lieviti ed energie rinnovabili trasformano l’anidride carbonica in proteine per uso alimentare

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Incremento della popolazione mondiale e nuove necessità Il costante incremento della popolazione mondiale, dovuto all’avanzamento tecnologico e all’incremento del welfare globale, sta suscitando nella comunità scientifica mondiale serie preoccupazioni inerenti alla disponibilità, all’uso e alla gestione delle risorse naturali ed alimentari del nostro pianeta. Il consumo crescente di carne sta causando lo sviluppo di allevamenti … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Euplotes nei processi di bonifica delle aree contaminate (video)

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il curioso ciliato nel video di cui sotto è appartenente al genere Euplotes ed è caratterizzato dalla presenza di un gran numero di organuli, molto simili a peli (chiamati ciglia), che utilizza per spostarsi, nuotare e mangiare.

I ciliati si trovano generalmente nelle zone in cui c’è acqua, anche in quelle contaminate da metalli pesanti come piombo e cromo; è stato infatti osservato come gli Euplotes siano in grado di assorbire attivamente tali composti.

Proprio per via di questa particolare capacità di assorbimento e stabilizzazione dei metalli pesanti, sono stati avviati numerosi studi per cercare di utilizzare gli Euplotes nei processi di bonifica delle aree contaminate.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: