Uperina 3.5: dagli anfibi i potenziali farmaci del futuro

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’uperina 3.5 è un peptide antimicrobico individuato sulla pelle del rospo australiano. Grazia alla sua azione contro i batteri, potrebbe essere utilizzata come base per la creazione di nuovi antibiotici.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il potenziale antibiotico del cannabidiolo sintetico (CBD)

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Una recente ricerca ha sperimentato il cannabidiolo sintetico (CBD) come antibiotico, con risultati promettenti anche nell’ottica di lotta all’antibiotico-resistenza.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il polimero solfonato uccide i microbi resistenti ai farmaci in pochi minuti

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Negli Stati Uniti dei ricercatori hanno scoperto che un polimero disponibile in commercio ha notevoli proprietĂ  antibatteriche e antivirali. Il materiale uccide i microbi riducendo drasticamente il pH dell’ambiente locale ed è persino efficace contro i patogeni resistenti ai farmaci.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le api ci aiutano a difenderci dalle infezioni

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Un recente studio ha portato all’identificazione del meccanismo di azione di un composto prodotto dalle api, le cui proprietĂ  antibatteriche sono dovute ad un meccanismo molecolare finora mai evidenziato. Negli ultimi anni è andata crescendo la tendenza ad un uso spropositato di antibiotici, che ha ormai raggiunto livelli preoccupanti. Secondo il rapporto dell’Unione Europea dell’agosto … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il sorpasso della Gonorrea: ancora una volta ci coglie disarmati

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La gonorrea è una patologia causata da un diplococco Gram-negativo, Neisseria gonorrhoeae, chiamato comunemente gonococco. La principale via di trasmissione è quella sessuale, tramite rapporti non protetti dall’uso del preservativo. Questo è vero tanto per i rapporti vaginali, quanto per quelli orali ed anali. Un’altra importante via di contagio è quella verticale, da madre infetta … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il “Cranberry” e le sue proprietĂ  antibatteriche

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il mirtillo rosso americano o Cranberry è un frutto piccolo e rossastro simile al nostro mirtillo. Questo può essere considerato a pieno titolo un alimento capace di agire positivamente nel nostro organismo. Buono e anche ottimo per la nostra salute, il cranberry veniva giĂ  utilizzato dai nativi americani perchè in grado di svolgere un’azione antibatterica. Sarebbe, infatti, capace di ostacolare … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Timolo e Carvacrolo, componenti di oli essenziali dal potere antibatterico

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Timolo e carvacrolo sono due molecole presenti negli oli essenziali a carattere antibatterico. Chiamati anche oli volatili, gli oli essenziali sono liquidi oleosi ottenuti da parte di piante come foglie, semi e germogli. Il potere terapeutico degli oli essenziali è conosciuto da tempo ma non è stato ancora identificato il meccanismo d’azione. Considerando che questi … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Una nuova minaccia di antibiotico-resistenza in Italia

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Non si placa minimamente la minaccia dell’antibiotico-resistenza, infatti è stato recentemente scoperto un nuovo microorganismo resistente alla colistina, un antibiotico molto efficace contro la maggiorparte dei batteri Gram-, anche se spesso a questo se ne preferiscono altri per la sua nefrotissicitĂ . Il batterio in questione è il ben noto Klebsiella pneumoniae, agente eziologico della polmonite. Spiega … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: