Il cibo per cani come veicolo per batteri resistenti agli antibiotici

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Un recente studio portoghese ha portato alla luce la presenza di enterococchi resistenti agli antibiotici nel cibo per cani.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Leclercia adecarboxylata

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La L. adecarboxylata è un enterobatterio Gram-negativo ampiamente distribuito in natura e che rientra nella flora intestinale di molti animali, essere umano compreso. E’ un batterio opportunista, tuttavia può causare malattie anche nelle persone immunocompetenti.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Alfalfa: lotta alla salmonellosi, dall’interno, nei polli

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La salmonellosi, che fa tremare il settore delle carni avicole. L’alfalfa, che può operare sul benessere enterico degli animali. Erba perenne, come un arcano dono dei Magi, sacerdoti dell’antico popolo dei Medi. E molto altro.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Microplastiche nelle acque reflue, veicoli di resistenza agli antibiotici

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le microplastiche sono ormai presenti in grandissime quantità nell’aria, nell’acqua e nel cibo. Non è ancora chiaro quali siano le conseguenze sull’ecosistema – specialmente quello marino – e sulla salute umana. Ma uno studio dell’Institute of Technology del New Jersey ha dimostrato che le microplastiche contribuiscono anche a disperdere nell’ambiente batteri patogeni resistenti agli antibiotici, a partire dagli impianti per la depurazione delle acque reflue.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Antibiotico resistenza: la forma dei batteri come fattore di sopravvivenza

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Un gruppo di ricercatori della Mellon University ha analizzato come, se sottoposti a esposizione di antibatterico (in particolare il CHL) i batteri si difendano cambiando forma, per adattarsi allo stress provocato dal farmaco e resistere al suo processo di penetrazione della loro parete cellulare.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il ruolo del cannabidiolo (CBD) nel trattamento della dipendenza da sostanze di abuso

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il ruolo del cannabidiolo come presidio terapeutico è tutt’oggi dibattuto, ma il crescente interesse da parte della comunità scientifica verso questo composto è giustificata dai risultati incoraggianti che emergono da numerosi studi e ricerche.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: