Rhinovirus, l’agente eziologico del raffreddore

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Caratteristiche Il Rhinovirus Umano (HRV) è membro della famiglia dei Picornavirus e virus a RNA a filamento singolo. E’ l’agente eziologico di molte infezioni del tratto respiratorio superiore, in particolare del raffreddore comune. Questo virus è responsabile di ben il 30-35% dei raffreddori negli adulti ogni anno, ed è attivo principalmente in autunno. La temperatura … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Asma da adulti per infezione neonatale da Streptococcus pneumoniae: speranze dalla vitamina A

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Circa il 40-50% dei bambini al di sotto dei 6 anni è affetto da asma, infiammazione cronica dei bronchi. Il respiro sibilante, il più classico dei segni clinici, anche in soggetti non allergici, può seguire uno stato di raffreddamento passeggero. In questi casi, avendo i piccoli pazienti un diametro bronchiale ridotto, la crescita può rappresentare … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Dai piedi all’intestino: il viaggio del parassita Ancylostoma duodenale

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le vie del parassitismo sono infinte. Vi presento oggi un vero maestro nel “complicarsi la vita”, un parassita che per giungere all’intestino tenue fa davvero il giro lungo, passando infatti dalla cute di mani e piedi. Un organismo, inoltre, la cui storia evolutiva potrebbe fornirci indizi utili per combattere in modo più efficace asma e … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Asma: sani grazie ai microbi dell’intestino

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Chi non ha mai sofferto di attacchi d’asma sporadici o, peggio, di asma cronica? Ebbene da studi recenti della University of British Columbia di Vancouver, è emerso che c’è una relazione tra la patologia ed i microbi intestinali: la mancanza di quattro specifici batteri renderebbe i bambini più a rischio. Non è la prima volta … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: