Antrace

L’antrace, detta anche “carbonchio” (dal greco άνθραξ, che significa “carbone”, dal colore nero delle lesioni cutanee che si sviluppano nelle vittime di questa infezione) è un’infezione acuta causata dal batterio Bacillus anthracis.

Generalmente si manifesta come malattia endemica in animali erbivori selvatici o domestici, quali bovini, pecore, cavalli, capre e suini, ma può anche svilupparsi nell’uomo, per esposizione ad animali infetti, tessuti di animali infetti, inalazione di spore del batterio o ingestione di cibo contaminato da queste. Non sono mai stati registrati casi di trasmissione da uomo a uomo per via aerea. Sono rarissimi i casi di contagio per contatto fra umani.

Dell’antrace esistono diverse forme differenti per diffusione e pericolosità classificate in base alla via d’ingresso: cutanea, la forma più frequente; polmonare, rara; gastrointestinale, rarissima. Se non curata, l’infezione di antrace porta alla morte tra i sette e i dieci giorni, con una letalità del 20%, che cresce notevolmente nelle varianti polmonare e intestinale.

Armi biologiche: primi attentati negli USA

Subito dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre, lettere cucite con spore di antrace cominciarono a comparire nella posta degli Stati Uniti. Cinque americani furono uccisi e diciassette infettati in quello che divenne uno dei peggiori attacchi biologici nella storia degli Stati Uniti. In seguito a questo episodio ebbe origine una delle più grandi e complesse … Leggi tutto