Formiche infermiere: una nuova fonte di antibiotici?

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Megaponera analis è una specie di formica caratterizzata dalla presenza di una casta di infermiere nella colonia. Queste formiche si sono specializzate nel curare le compagne ferite. Il comportamento di paramedici aiuta le formiche a sopravvivere più a lungo nel nido e a mantenere la colonia sana.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Colpo di fuoco batterico

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Descritta per la prima volta alla fine del ‘700 lungo la costa atlantica americana, il colpo di fuoco batterico è una di quelle fitopatie che ancora oggi preoccupa più di altre i produttori di mele e pere, tanto da indire un Decreto di lotta obbligatoria. Il patogeno, il batterio Erwinia amylovora, appartiene alla lista A2 di EPPO.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Clamidiosi

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La clamidia è una malattia infettiva molto diffusa, L’agente causale è il batterio Chlamydia trachomatis, che si trasmette generalmente attraverso rapporti sessuali vaginali, anali e orali non protetti, ma è possibile anche il contagio materno-fetale. Nella grande maggioranza dei casi, la clamidia è asintomatica o produce sintomi vaghi; nelle donne, la clamidia può essere segnalata da perdite vaginali. Negli uomini, invece, l’infezione interessare l’epididimo, causando dolore testicolare, febbre, secrezioni dal pene e prurito. La terapia è antibiotica

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Bifidobacterium infantis: un batterio importante del microbioma neonatale

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Bifidobacterium infantis è uno dei batteri più importanti del microbioma, perché permette al neonato di avere accesso al latte materno.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Uperina 3.5: dagli anfibi i potenziali farmaci del futuro

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’uperina 3.5 è un peptide antimicrobico individuato sulla pelle del rospo australiano. Grazia alla sua azione contro i batteri, potrebbe essere utilizzata come base per la creazione di nuovi antibiotici.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: