Una innovativa bioraffineria del syngas

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Un’innovativa applicazione del syngas consiste nella sua fermentazione in processi di bioraffineria per la produzione di molecole a valore aggiunto. Tali prodotti a base biologica sono rappresentati prevalentemente da etanolo e acidi organici volatili (AOV), come acido acetico, acido propionico, acido butirrico e acido esanoico.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Methanospirillum hungatei

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Methanospirillum hungatei è la specie rappresentativa del genere Methanospirillum. Si tratta di un archea metanogeno e strettamente anerobio.
Questo microrganismo è ubiquitario in natura ed è spesso rilevato negli ecosistemi in cui la sintofia è essenziale. E’ ampiamente utilizzato nel processo di digestione anerobica di rifiuti organici. Nello specifico M.hungatei interviene come membro terminale dell’intero processo attraverso la produzione di metano.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Bioprodotti sostenibili dalla lignina: microrganismi fantastici e dove trovarli

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Alcuni rari microrganismi sono in grado di depolimerizzare la lignina e convertirla in molecole ad elevato valore aggiunto, favorendo lo sviluppo su scala industriale di bioraffinerie per una transizione verso processi più ecosostenibili.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le termiti del mare (teredinidi): fonte di disagio quanto di opportunità

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Una piaga per tutti i marinai Già più di 2000 anni fa le navi e le banchine delle civiltà greche e romane venivano attaccate e danneggiate da una piaga che in tempi storici distrusse certamente più imbarcazioni del Kraken, essere mitologico e temuto mostro marino affondatore di navi per antonomasia. Nessun essere titanico dalle enormi … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Carta non riciclabile in biocarburanti: un nuovo schema di bioraffineria ed economia circolare

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Carta di scarto come materia prima per la produzione di zuccheri e, successivamente, di bioetanolo e biodiesel L’innovativo schema di bioraffineria di seconda generazione Oggigiorno è sempre più evidente l’importanza della produzione di energia e materiali a partire da fonti rinnovabili e in maniera ecosostenibile. Pertanto, la transizione dalle raffinerie, basate sullo sfruttamento intensivo delle … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Bioetanolo: utilizzo dei lieviti per i carburanti di ultima generazione

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Introduzione Negli ultimi mesi si sta assistendo ad una presa di consapevolezza, sempre più marcata, per quelle che sono le tematiche ambientali. Dal riciclaggio dei rifiuti, alla discussione sugli allevamenti, osserviamo come si comincino a mettere le basi per un cambiamento radicale della nostra società. Ma in tutto questo, la microbiologia in cosa ci aiuta? … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Caso studio di economia circolare: siero di latte in bioidrogeno

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’economia circolare Secondo la definizione della Ellen MacArthur Foundation “economia circolare” è un termine generico per definire un’economia pensata per potersi rigenerare da sola. In un’economia circolare i flussi di materiali sono di due tipi: quelli biologici, in grado di essere reintegrati nella biosfera, e quelli tecnici, destinati ad essere rivalorizzati senza entrare nella biosfera. … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Microbiota del rumine: biodiversità e potenziale applicativo

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Nelle piante terrestri, gran parte della materia organica è costituita da polisaccaridi (cioè zuccheri complessi) insolubili, il più importante dei quali è la cellulosa. La cellulosa è infatti il principale costituente della parete che circonda tutte le cellule vegetali; essa è un polimero formato, da 300 a 3000 unità di molecole di glucosio (uno zucchero semplice), … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Trichoderma reesei: sinergia tra ricerca di base ed applicazione tecnologica

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Durante la Seconda Guerra Mondiale, i soldati americani d’istanza presso le Isole Salomone indossavano delle comode divise cucite principalmente in fibra di cotone. Ben presto tuttavia si accorsero che su di esse cresceva facilmente, grazie anche al clima di quella zona, una sorta di sottile muffa filamentosa, che ne degradava il tessuto e sembrava anzi … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Dall’etanolo di canapa a quello da cianobatteri: l’evoluzione dei biocarburanti e delle biofabbriche

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La storia dei biocarburanti e il loro eterno conflitto con i combustibili di origine fossile traggono le proprie radici tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX secolo. In certo senso le automobili sono nate con i biocarburanti. Nel 1853 gli scienziati E. Duffy e J. Patrick realizzarono la trans-esterificazione dell’olio vegetale … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: