Gomma da Hevea brasiliensis, degradata da un insperato consesso di batteri. In primis, Delftia tsuruhatensis.

Gomma e tsuruhatensis: la fatàl degradazione

L’estratto lattescente era promettente, certo, ma debole agli usi. C’era da lavoraci su. Bisognava irrobustirlo; ottunderlo, d’un’elasticità senza occasione. Così, intercalato da zolfo ed additivi, è divenuto tutto. Tutto il nostro motorizzto civile orizzonte. Oggi, però, invecchiando irriducibile, s’accumula; e grava sul sistema-ambiente che la disconosce. O forse no. L’ultima renitente speranza si chiama Delftia tsuruhatensis. Ed al suo consorzio batterico, forse, l’artefatta gomma interessa.

Pleurotus ostreatus

Pleurotus ostreatus

Pleurotus ostreatus è un fungo saprofita e commestibile, appartenente al phylum Basidiomycota, che cresce su tronchi di latifoglie morenti. E’ ottimo in cucina e possiede varie proprietà terapeutiche

Biodegradazione Microbica delle Microplastiche

Biodegradazione microbica delle microplastiche – parte seconda

la biodegrdazione è un processo mediato dalla produzione di enzimi o tossine da parte dei microrganismi, quale comporta la frammentazione o digestione completa del polimero. questo tipo di processo viene eseguito da microrganismi come: batteri funghi e alghe.

Batteri ghiotti di plastica!

Il polietilene tereftalato (PET) è un polimero impiegato per la produzione di materiale plastico e in particolar modo bottiglie, il cui accumulo ed il conseguente smaltimento è diventato un problema …

Leggi tutto