Ogataea polymorpha, nuova fonte di acido ialuronico?

E’ un lievito, non convenzionale, d’accordo, già solo per classificazione microbiologica, l’Ogataea polymorpha. Chi ne ha sentito parlare, prima d’ora? Eppure è una fucina inestinguibile di vaccini, enzimi, prodotti biofarmaceutici, da circa trent’anni. Oggi, però, potrebbe rivelarsi fondamentale anche nella sintesi indotta di acido ialuronico. Ed il glicosaminoglicano delle meraviglie, non ha certo bisogno di presentazioni.

Antocianine dai batteri: i pigmenti vegetali hanno una nuova fonte?

Flora, dea romana della fioritura del grano, delle vigne e degli alberi da frutto, innamorata di un giovane di nome di Ciano, ebbe la sventura di ritrovarlo morto, disteso in un campo di cereali punteggiato di stelle azzurre, i fiordalisi. A questo ἄνθος fiore dal colore κύανος blu lapislazzulo, si deve la definizione di antociani … Leggi tutto

Corynebacterium glutamicum: più sapore in cucina

Gli additivi alimentari Gli additivi alimentari sono sostanze utilizzate soprattutto a livello industriale nel corso nella preparazione di molti tipi diversi di derrate. Differiscono dagli ingredienti in quanto sono privi di importanza dal punto di vista del valore nutrizionale e vengono volontariamente aggiunti ed opportunamente dosati per precisi scopi. In base al tipo di additivo, … Leggi tutto