Virus Ebola e studi preclinici su un nuovo potenziale vaccino

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La necessità di nuovi vaccini per il virus Ebola Il virus Ebola continua a mietere vittime e incessante prosegue la sua avanzata nei paesi più poveri del mondo. Da ciò nasce la necessità sempre più impellente non solo di attuare terapie efficaci, ma anche di mettere a punto nuovi vaccini per una valida prevenzione su … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Ebolavirus: Aggiornamento dal fronte e nuove speranze

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Virus Ebola, un agente virale estremamente pericoloso Il virus dell’Ebola è responsabile di una grave malattia nell’uomo che si caratterizza come febbre emorragica e che presenta un alto tasso di mortalità. L’agente eziologico responsabile è l’Ebolavirus (EBOV, figura 1), della famiglia Filoviridae. Si tratta di un virus a RNA a singolo filamento individuato per la … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Ebolavirus: verso anticorpi “universali”

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Dopo la terribile epidemia che ha colpito l’Africa nel 2014, l’ebola aveva fatto molto parlare di sé anche nel mondo occidentale. Tutti avevamo imparato che la malattia si trasmette per contatto diretto, con sangue o secrezioni, e che le percentuali di mortalità oscillano tra il 25% e il 90%. Sebbene oggi non sia più alla … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Febbre emorragica di Marburg: un nuovo caso in Uganda

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il Ministero della Sanità ugandese ha confermato un caso di infezione da parte del virus Marburg, responsabile di una febbre emorragica altamente infettiva. Il caso, per ora isolato, si è registrato nel villaggio di Chemuron, nel distretto orientale di Kapchorwa. L’ultimo focolaio nello Stato dell’Africa orientale risale al 2014, quando furono identificati 146 casi. La … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Come avviene il passaggio da infezioni virali acute a croniche?

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Sappiamo che nel momento in cui un virus entra nell’organismo, infettandone le cellule, va ad indurre una risposta infiammatoria immediata che mira a ristabilire le condizioni fisiologiche dell’organismo in poco tempo, eliminando il virus. Questo è ciò che avviene per le infezioni virali acute. Vi sono, però, delle patologie di natura virale, come il morbillo, … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il fantasma dell’Ebola che porta al suicidio

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il fuoco dell’Ebola virus si sta lentamente spegnendo, gli ultimi bollettini dell’OMS lo confermano: un paese dopo l’altro si sta liberando dalla piaga che ha causato in pochissimo tempo quasi 30’000 casi, meno della metà dei quali conclusi con la morte del soggetto. Con il passare del tempo, svanito il fumo, iniziano ad apparire le … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Infezione da Virus Ebola: nuove scoperte sulla sua trasmissione sessuale

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La malattia da virus Ebola, in passato nota come febbre emorragica da virus Ebola, è una pericolosa infezione spesso fatale per l’uomo. Come riportato dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), virus ad RNA del genere Ebola fanno parte della famiglia dei Filoviridae (filovirus). L’introduzione del virus Ebola in comunità umane avviene attraverso il contatto con sangue, secrezioni, organi o … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il primo vaccino anti-malaria

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’inizio come medico, la conoscenza con le malattie infettive, che lo affascinano tanto da farlo entrare nel ramo di ricerca dell’esercito degli USA, quindi l’incontro con quello che sarà il suo più grande nemico, alla cui sconfitta consacrerà la vita, la malaria. Ripley Ballou vanta una carriera invidiabile, partito con una serie di incarichi nella … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: