Leclercia adecarboxylata

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La L. adecarboxylata è un enterobatterio Gram-negativo ampiamente distribuito in natura e che rientra nella flora intestinale di molti animali, essere umano compreso. E’ un batterio opportunista, tuttavia può causare malattie anche nelle persone immunocompetenti.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Alfalfa: lotta alla salmonellosi, dall’interno, nei polli

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La salmonellosi, che fa tremare il settore delle carni avicole. L’alfalfa, che può operare sul benessere enterico degli animali. Erba perenne, come un arcano dono dei Magi, sacerdoti dell’antico popolo dei Medi. E molto altro.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Carbonara Day: come mangiarla in sicurezza (e leccarsi i baffi!)

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Spaghetti, pecorino, guanciale, uova, sale e pepe: ecco a voi la carbonara, protagonista d’eccellenza del Carbonara Day! A noi però piace aggiungere alla ricetta originale una spolverata di scienza e q.b. di regole da seguire per mangiare una carbonara in sicurezza.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Shigellosi

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La shigellosi nota anche come “dissenteria bacillare” è una malattia infettiva di origine batterica, ed è endemica di molti Paesi in via di sviluppo. L’agente eziologico è Shigella spp.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Purple Glucose Agar

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Utilizzo Il Purple Glucose Agar è un terreno selettivo, riconosciuto ed indicato nelle norme ISO 21528-1 e 21528-2 per il test di conferma delle Enterobacteriaceae (Figura 1), mentre nella ISO 11059 è indicato per il test di conferma delle specie di Pseudomonas dopo l’isolamento su terreno selettivo. Il componente del terreno essenziale per l’applicabilità del … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Emergenza Citrobacter in Veneto: un batterio letale e poco conosciuto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Notizie preoccupanti sul batterio Citrobacter Preoccupanti le notizie di qualche giorno fa che giungono, violente, dal Veneto. Il batterio Citrobacter sembrerebbe aver causato la morte di tre bambini all’Ospedale della Donna e del Bambino di Verona. I casi Il primo caso risale a novembre 2019 quando Nina, nata nell’aprile 2019, sarebbe morta a causa del … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Urea broth base (“Terreno di Christensen”)

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Perchè si usa? L’urea broth base è un terreno di coltura liquido utilizzato per la determinazione della presenza o meno dell’enzima ureasi (urea amidoidrolasi), nonchè quale ausilio per la differenziazione dei membri della famiglia delle Enterobacteriaceae (bacilli gram negativi a cui appartiene anche il ben noto Escherichia coli). Oltre che per fini d’identificazione biochimica e … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Superbug vs antibiotici: il resoconto di guerra del 2019

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La battaglia infinita contro i Superbug La ricerca medica si mobilita da sempre nell’analisi e nella cura di malattie dovute ad infezioni da microorganismi: batteri, virus, parassiti e funghi. Nonostante le grandi scoperte nel campo e la conoscenza della maggior parte dei patogeni ed i loro meccanismi, la sicurezza mondiale viene costantemente minata dalla capacità … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Può la disbiosi considerarsi un campanello d’allarme per l’obesità infantile?

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

È ampiamente diffuso il concetto che il microbiota intestinale sia collegato allo stato ponderale e, quindi, anche all’obesità, poiché funge da mediatore chiave nell’impatto della dieta sullo stato metabolico e immunologico dell’organismo. Ma può essere anche un indizio per prevenire l’obesità infantile? Recenti studi suggeriscono di si! Obesità sempre più in crescita L’obesità, purtroppo, è … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: