Carie del legno (seconda parte)

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Esistono tre tipologie di carie del legno: bianca, bruna e soffice. Il continuo avanzamento in campo tecnologico consente oggi di svolgere una serie di approfondimenti, verificare la presenza di alterazione e di identificare la specie fungina che ne è la causa. Vediamo insieme i principali metodi di prevenzione, controllo e lotta.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Carie del legno (prima parte)

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Gli alberi possono essere soggetti all’attacco di funghi agenti di carie del legno. Esistono tre tipi di carie: bianca, bruna e soffice. Scopriamole insieme!

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Spilocaea oleaginea

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Caratteristiche principali Spilocaea oleaginea è un fungo fitopatogeno deuteromicete, agente eziologico di una delle principali malattie fungine dell’olivo, denominata “occhio di pavone”, “vaiuolo” o “cicloconio dell’olivo”. I sintomi si manifestano soprattutto sulle foglie, che presentano le caratteristiche macchie tondeggianti grigio- brune contornate da un alone giallo, da cui deriva il nome “occhio di pavone”. Filogenesi … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Visual Tree Assessment (VTA)

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Visual Tree Assessment: di cosa si tratta? Il Visual Tree Assessment (VTA) è un metodo d’indagine utilizzato da agronomi e tecnici specializzati per la valutazione delle condizioni strutturali di un albero. Una pianta in cattive condizioni può essere, infatti, considerata pericolosa per le cose e le persone che vi stanno intorno. Le cause determinanti la … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Cryphonectria parasitica

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

I microrganismi possono avere un impatto devastante sull’ambiente. La loro introduzione in un ambiente favorevole in cui è presente un ospite suscettibile può comportare gravi conseguenze come la modifica del paesaggio, perdita di biodiversitĂ  e, nei casi peggiori, l’estinzione di una specie. L’epidemia di Cryphonectria parasitica, agente causale del cancro corticale del castagno, ha colpito … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: