Megaterium: il Bacillus divoratore di olio diesel marino

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le rovinose perdite di carburanti nautici, sotto forma di olio diesel, avvelenano cronicamente flora e fauna marine. Tuttavia, non mancano microbi problem solver, in grado di frapporsi tra lo scempio ed il disastro. Questa è la volta del Bacillus megaterium.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Rhizoremediation per l’antica prateria del Nilo Bianco

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’ultima frontiera della decontaminazione da idrocarburi, di un’antichissima area naturalistica umida, il Sudd, in Sudan. La phytoremediation si avvale, in più, oggi, di comunità batteriche del suolo che operano un’efficacissima rhizoremediation.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Biodiversità e versatilità metabolica microbica nei sedimenti marini idrotermali del Messico

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Nel Bacino di Guaymas la più ampia analisi genomica di sedimenti idrotermali marini per indagare sull’interazione tra composizione di comunità e diversità funzionale microbica. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications, è stato coordinato dal dottor Brett Baker dell’Università del Texas I sedimenti marini ospitano comunità di microbi abbondanti e filogeneticamente differenti. Un’alta diversità che è stata … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Un nuovo microrganismo che degrada l’etano è stato scoperto nelle profondità marine

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Gli abissi dei mari e degli oceani rappresentano una delle ultime frontiere esplorative rimaste sul pianeta. Si tratta di luoghi inospitali per la maggior parte degli organismi, mentre per altri, le notevoli pressioni ambientali che caratterizzano l’immenso continente inondato non sembrano essere affatto una limitazione. La fuoriuscita di gas naturali dalle profondità marine, ad esempio, … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

I batteri “mangia-petrolio” del Golfo del Messico

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La perdita di petrolio dalla piattaforma semisommergibile di perforazione Deepwater Horizon nel Golfo del Messico nel 2010 (Fig. 1) ha rappresentato una delle catastrofi più studiate nella storia. Questa fuoriuscita di petrolio è stata la più grande nella storia, con il rilascio di 4,1 milioni di barili di petrolio e di grandi quantità di gas … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Toluene ed idrocarburi, una nuova speranza

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Un gruppo di studiosi ha per la prima volta scattato una fotografia molecolare di come alcuni batteri riescano a degradare il toluene, per fini prettamente metabolici. Ricordiamo che il toluene è classificato come nocivo e facilmente infiammabile, danneggia i nervi, i reni ed il fegato ed un regolare contatto può portare ad intossicazione metabolica. L’articolo, … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Biocarburante in arrivo: tutto merito di Clostridium ljungdahlii!

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

E’ Gram positivo, anaerobico, bastoncellare, mobile, sporigeno. Si chiama Clostridium ljungdahlii, questo è il nome del particolare batterio che è stato scoperto di essere un potenziale produttore di Biocarburante. Il biocarburante è un combustibile ottenuto indirettamente dalle biomasse, e per tale motivo è rinnovabile. E’ appunto una ricerca condotta da scienziati ed ingegneri della Cornell University che promette … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Armi batteriche contro i disastri petroliferi

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Dopo l’incidente che ha visto come protagonista la piattaforma petrolifera Deepwater Horizon, numerosi scienziati hanno potuto “craccare” il DNA di numerosi batteri mangia-pertrolio e pertanto questi risultati, pubblicati sulla rivista Nature Microbiology, avranno un impatto molto forte nelle future battaglie contro i disastri petroliferi. Questa forma di biorisanamento ha sicuramente il vantaggio di non applicare nessuna tipologia di sostanze chimiche, talvolta … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: