Listeriosi

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La listeriosi è una malattia infettiva causata dal batterio Gram (+) Listeria monocytogenes, che interessa sia l’uomo e sia alcune specie animali. La malattia può comparire in seguito all’ingestione di cibo contaminato.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Prevenire le epidemie influenzali: un passo avanti da uno studio su pazienti immunodepressi

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

I virus influenzali, appartenenti alla famiglia Orthomyxoviridae (virus ad RNA a singolo filamento), hanno sviluppato una capacità evolutiva molto importante per la loro sopravvivenza: cambiano la loro struttura proteica di superficie molto rapidamente. Questa peculiarità permette loro di eludere le difese immunitarie degli esseri viventi che infettano (ricordiamo che il sistema immunitario possiede una memoria nei … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Candida orale: KO grazie all’IL-1

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le infezioni delle mucose da Candida albicans sono la forma più frequente di malattie fungine, infatti la C. albicans è risultata una causa importante di morbilità e mortalità in tutto il mondo, soprattutto nei soggetti immunocompromessi (HIV, terapie antinfiammatorie) rispetto a soggetti sani (mughetto dei bambini). I sintomi sono di diverso tipo ed intensità, si trovano … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Infezioni fungine potenzialmente mortali e sempre più resistenti… Colpa del diffuso utilizzo di fungicidi agricoli?!

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Aspergillus fumigatus, una delle specie più comunemente associate ad infezione in pazienti immunocompromessi Secondo gli scienziati numerose infezioni fungine, potenzialmente mortali, stanno acquisendo resistenza verso molti dei farmaci attualmente utilizzati per combatterli. Più di un milione di persone, di cui circa 7.000 solo nel Regno Unito, muoiono ogni anno di infezioni fungine, e il numero … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: