Latte di cammello, fonte di più probiotici, anti-patogeni

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Non bastano mai, i probiotici, soprattutto quando spiccatamente anti-patogeni. Questa volta, la nuova scorta, si cela nel latte di cammello.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Latte e derivati: la microbiologia come parametro di qualità e sicurezza

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Introduzione L’affermazione della microbiologia come disciplina di primaria importanza, all’interno delle dinamiche di lavorazione e trasformazione di alimenti, ha traslato l’attenzione dei tecnici e delle figure professionali operanti in quest’ultimo settore sulla realizzazione di strategie di controllo ad ogni livello dello sviluppo microbico e del correlato metabolismo al fine di garantire qualità e sicurezza costanti … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Pompando il latte materno dal seno si cambia il suo microbioma

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Fino a poco tempo fa, la maggior parte dei ricercatori pensava che il latte materno fosse sterile. Successivamente si è scoperto che, come la maggior parte delle altre parti del corpo e dei fluidi, è pieno di batteri. Secondo uno studio pubblicato di recente sulla rivista Cell, la composizione del suo microbioma varia in base … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Clostridium difficile: il siero del latte arricchito con anticorpi funzionali efficace contro questo batterio

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’infezione da Clostridium difficile (CDI) indotta da tossina è una delle principali malattie caratterizzate da grave diarrea e alti tassi di morbilità. La colite da Clostridium difficile (CD) è la principale infezione acquisita in ambito sanitario, con circa mezzo milione di casi. Ancora più preoccupante è il crescente numero di morti attribuite a C. difficile. … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Microbiota intestinale e allergie alimentari

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Negli ultimi decenni si è avuto un incremento, nei Paesi sviluppati, del numero di soggetti affetti da allergie di carattere alimentare, talvolta anche molto gravi. Le principali cause di questo potrebbero essere l’utilizzo smodato di antibiotici, i cambiamenti nelle abitudini alimentari, ma anche l’aumento di parti cesarei e dell’utilizzo di latte artificiale. Di questo risente, … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Salmonellosi : il caso della Lactalis in Francia

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Al genere Salmonella appartengono batteri Gram -, a forma di bastoncello e responsabili di infezioni del tratto intestinale che vanno sotto il nome di salmonellosi. I sintomi della salmonellosi solitamente si manifestano 12-72 ore in seguito all’infezione e includono diarrea, vomito e crampi addominali (figura 1). Solo  negli Stati Uniti d’America vengono riscontrati ogni anno … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le insidie del latte crudo… non è tutto oro quello che luccica!

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il latte è un alimento completo, uno dei capisaldi della colazione con buona pace degli intolleranti. Da un punto di vista squisitamente chimico, il latte è una soluzione contenente vari soluti, e particelle di grasso in emulsione. Sono presenti proteine ad alto valore biologico, grassi (principalmente saturi e colesterolo), zuccheri semplici (lattosio), alcune vitamine e … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’importanza dell’allattamento al seno per il microbioma di un neonato

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Perché è importante l’allattamento al seno? È da sempre risaputo che l’allattamento al seno é essenziale per il nutrimento del bambino almeno nei suoi primi mesi di vita. Ma da dove deriva questa sua importanza ? L’allattamento al seno è la via attraverso la quale i batteri necessari per un buon funzionamento dell’organismo si trasferiscono … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: