Ogataea polymorpha, nuova fonte di acido ialuronico?

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

E’ un lievito, non convenzionale, d’accordo, giĂ  solo per classificazione microbiologica, l’Ogataea polymorpha. Chi ne ha sentito parlare, prima d’ora? Eppure è una fucina inestinguibile di vaccini, enzimi, prodotti biofarmaceutici, da circa trent’anni. Oggi, però, potrebbe rivelarsi fondamentale anche nella sintesi indotta di acido ialuronico. Ed il glicosaminoglicano delle meraviglie, non ha certo bisogno di presentazioni.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le origini della gastronomia: il Lievito madre

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il lIevito madre, o lievito naturale, è composto da farina, acqua e diverse specie microbiche. La sua lavorazione si è tramandata nei millenni, portando a prodotti certificati

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Lieviti in birrificio: quali scegliere?

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Differenze, criteri di discriminazione e selezione dei lieviti per la birra Tra le operazioni unitarie fondamentali per la produzione di molte bevande alcoliche, merita senza dubbio un ruolo di assoluta protagonista la fermentazione alcolica. Tale processo metabolico, messo in atto da microrganismi capaci di trasformare materiale fermentabile in alcol etilico, nella realizzazione di una bevanda … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Torulaspora delbrueckii

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Caratteristiche Torulaspora delbrueckii (Figura 1) è un microrganismo eucariotico unicellulare aerobico, appartenente al regno dei funghi (Fungi, L.) di cui fanno parte i lieviti e le muffe. T. delbrueckii è ampiamente diffuso in natura e si trova comunemente nel suolo, sella superficie di frutti maturi come l’uva (contribuendo all’innesco del processo di fermentazione), nel succo … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Emil Christian Hansen: il “padrino” del lievito Carlsberg

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La birra ha sempre avuto un ruolo importante nel corso dei secoli. Molte testimonianze provenienti da tempi remoti, ci indicano che questa bevanda veniva consumata giĂ  dai popoli assiri nel 2500 a.C. e dagli egizi nel 2000 a.C. Nonostante la storia delle origini e della diffusione della birra siano molto interessanti e affascinanti, oggi vogliamo … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le modificazioni istoniche e il mating type in lievito

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Gli istoni sono proteine basiche cariche positivamente, tipiche degli organismi eucarioti, che partecipano alla formazione della struttura della cromatina. La cromatina si distingue in due forme strutturalmente e funzionalmente definite. In particolare, l’eterocromatina, condensata e tipica delle regioni telomeriche e centromeriche, riflette uno stato di inattivitĂ  genica. L’eucromatina, invece, è molto meno condensata della prima ed … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

YAC, BAC e PAC: i cromosomi artificiali di lievito, batterio e batteriofago P1

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il clonaggio genico è un insieme di tecniche di biologia molecolare che permettono l’introduzione di un gene di interesse in una molecola di DNA capace di replicarsi e l’amplificazione della molecola di DNA ricombinante ottenuta in una cellula ospite. Mediante il clonaggio, quindi, è possibile ottenere numerose copie di una determinata sequenza nucleotidica. Per lo … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Birre buone? Questione di lieviti!

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Durante una serata in compagnia, una bella pizza o semplicemente davanti ad uno spettacolare tramonto, bere una birra dĂ  tutto un altro sapore alla vita grazie al suo gusto particolare, risultato di un lungo processo di produzione che parte da semplici ingredienti naturali. Produrre birra non è un processo semplice, ma di sicuro quello che … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: