“Variante inglese”: cosa sappiamo della mutazione di SARS-CoV-2?

“La variante inglese”, soprannominata VUI 202012/01 o B.1.1.7, sembrerebbe essere correlata all’aumento del tasso di infezione nel Regno Unito. Un incremento dell’aggressività è però ancora da studiare. Nel frattempo, arriva l’ok da parte dell’EMA per il vaccino anti-Covid Pfizer-BioNTech.

Pigmei vs Epatite C

Il virus HCV (virus dell’epatite C) è responsabile di una patologia che colpisce circa il 3% della popolazione mondiale (leggi qui per maggiori approfondimenti).Come indicato dal nome del virus stesso, la malattia in questione è l’epatite C, una malattia che si trasmette mediante contatto diretto con sangue infetto, come nello scambio di siringhe tra tossicodipendenti, … Leggi tutto

La proteina-antitumorale p53: il veloce passaggio da alleata a nemica dei tumori

Le proteine costituiscono una notevole parte della sostanza secca di una cellula. Il loro ruolo all’interno di un organismo vivente, quale animale o vegetale, assume un significato di estrema importanza per garantire processi fisiologici e metabolici essenziali alla sopravvivenza dello stesso. A differenza della maggior parte dei macronutrienti composti esclusivamente da atomi di carbonio, ossigeno … Leggi tutto