L’intelligenza artificiale rivoluziona la diagnosi tumorale

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Nel campo oncologico, l’intelligenza artificiale (AI) e il deep learning hanno trovato applicazioni nella ricerca e diagnosi dei tumori.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Nuovi potenziali agenti antitumorali: lipopeptidi prodotti da Bacillus subtilis

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Surfattina e iturina – Una frontiera rivoluzionaria per lo sviluppo di farmaci oncologici innovativi e per evitare la chemioresistenza.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

KDM4A: un enzima importante nei tumori della testa e del collo

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

I tumori della testa e del collo sembrano essere i meno responsivi all’immunoterapia. Un gruppo di ricercatori ha identificato un’enzima, la cui inibizione, sembra conferire un aumento di efficacia dell’immunoterapia.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il ruolo del cannabidiolo (CBD) nel trattamento della dipendenza da sostanze di abuso

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il ruolo del cannabidiolo come presidio terapeutico è tutt’oggi dibattuto, ma il crescente interesse da parte della comunità scientifica verso questo composto è giustificata dai risultati incoraggianti che emergono da numerosi studi e ricerche.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il microbiota intestinale influenza la progressione del tumore alla prostata

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il microbiota intestinale e la terapia antitumorale Il ruolo del microbiota intestinale nello sviluppo del cancro e nell’efficacia del suo trattamento è stato ampiamente confermato da diversi studi condotti, tanto in modelli animali come nell’uomo. In particolare, Akkermansia muciniphila sembra essere in prima linea nella risposta positiva all’immunoterapia anti-PD in pazienti affetti da melanoma. Tuttavia, … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Tumore del Pancreas: cosa c’entrano i prioni della “Mucca Pazza”?

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Lo studio dell’Università di Pisa I prioni, conosciuti come agente eziologico della “Mucca Pazza”, sono stati indagati durante uno studio nato da un progetto multidisciplinare di dottorato di ricerca condotto dal dottor Matteo Bianchini e coordinato dal Professor Stefano del Prato. L’indagine è stata svolta in collaborazione con l’Università di Pisa e l’IRCCS Neuromed di Pozzilli (IS), … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Herpes virus umano 8

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

L’HHV-8 o KSHV è un virus oncogeno appartenente alla famiglia Herpesviridae, e rappresenta l’agente eziologico del tumore angiomatoso chiamato sarcoma di Kaposi

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Poliovirus modificato geneticamente per curare i tumori al cervello

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Nel quinquennio 2012-2017 è stato condotto un importante e proficuo studio sul glioblastoma multiforme (Figura 1) ed il suo trattamento non convenzionale con poliovirus modificato geneticamente. Il progetto ha dato il  via ad un filone di ricerca particolare, che vede come protagonisti nella lotta contro i tumori proprio i microrganismi. Il glioblastoma multiforme (GBM) è … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Francis Peyton Rous e il virus del sarcoma di Rous

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Francis Peyton Rous è stato un virologo statunitense, divenuto famoso per la scoperta del virus del sarcoma di Rous e insignito del Premio Nobel per la medicina nel 1966. Biografia Francis Peyton Rous nacque a Baltimora nel 1879, dove condusse i suoi primi studi presso l’Università Johns Hopkins grazie anche all’apprensione della madre che pur … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La proteina-antitumorale p53: il veloce passaggio da alleata a nemica dei tumori

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le proteine costituiscono una notevole parte della sostanza secca di una cellula. Il loro ruolo all’interno di un organismo vivente, quale animale o vegetale, assume un significato di estrema importanza per garantire processi fisiologici e metabolici essenziali alla sopravvivenza dello stesso. A differenza della maggior parte dei macronutrienti composti esclusivamente da atomi di carbonio, ossigeno … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: