Plasmopara viticola: l’agente eziologico della peronospora della vite

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Plasmopara viticola (Berk. e Curt.) Berl. e De Toni è un patogeno policiclico e parassita obbligato, agente eziologico della peronospora della vite (Figura 1); quest’ultima è una delle malattie più diffuse e distruttive che affligge specie del genere Vitis.
Il suo controllo è fondamentale per evitare ingenti perdite di produzione.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Lieviti non-Saccharomyces: un’inversione di tendenza in ambito enologico

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Introduzione La millenaria storia del vino, bevanda alcolica che ha accompagnato lo sviluppo culturale e gastronomico di popolazioni antiche, moderne e contemporanee, racconta di un lento ma progressivo miglioramento delle tecnologie di trasformazione della materia prima, sulla base di conoscenze man mano acquisite e fieramente tramandate di generazione in generazione. Negli ultimi due secoli, con … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Dendrochirurgia: intervento “a cuore aperto”… su vite

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La vite è una pianta coltivata in molte zone rinomate d’Italia (Franciacorta, etc.) e del mondo, in grado di darci uva dolcissima e vini pregiati. Numerose sono le patologie che attaccano gli organi di questa pianta, tra le quali le piĂą conosciute sono quelle riguardanti il grappolo. Le viti però possono essere soggette anche a … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Vini d’autore: i botritizzati del Friuli

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Introduzione Sebbene la nostra mente ricorra istantaneamente ai grandi vini da dessert francesi della cittadina di Sauternes quando si parla di muffa nobile, per amor di veritĂ  storica non si può prescindere dalla diversa localitĂ  d’origine di questa meravigliosa tecnologia di trasformazione del mosto d’uva. E’ la regione ungherese del Tokaj, infatti, ad aver dato … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Corredo aromatico dei vini: i prodotti secondari del metabolismo dei lieviti

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La fermentazione del mosto d’uva Non tutti sanno che nel mosto d’uva l’etanolo non è il solo prodotto dell’azione dei lieviti. La fermentazione alcolica, conosciuta da tutti come il principale processo metabolico che si verifica nel mosto d’uva dopo le operazioni preliminari, costituisce senza dubbio la base tecnologica del processo di vinificazione da cui originano … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La cantina come nicchia ecologica di Saccharomyces cerevisiae

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Tra ipotesi e certezze: l’esistenza di un ciclo di Saccharomyces cerevisiae all’interno della cantina Come ben tutti sanno, il vino è una bevanda alcolica fermentata e il processo di trasformazione degli zuccheri in etanolo avviene a carico di microrganismi, i quali sono capaci di demolire tali molecole organiche per dar vita a composti inediti e … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

I lieviti selezionati in enologia: un impiego centenario

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Lieviti nella storia dell’enologia La presenza stabile delle bevande alcoliche nelle abitudini alimentari dell’essere umano si fa risalire a migliaia di anni fa e, con essa, la capacitĂ  dei nostri antenati di prendere coscienza dell’importanza della lavorazione e della trasformazione di una materia prima di base. Sin dagli albori delle civiltĂ  antiche, i sapienti artigiani … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Batteri lattici: dal vino, la biosintesi della melatonina

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Capita spesso di associare all’idea del vino il lievito Saccharomyces cerevisiae, noto per le sue proprietĂ  fermentative della porzione zuccherina. Oltre a questo, però, altrettanto importanti sono quei batteri che hanno il compito di sfruttare la fermentazione malica per il miglioramento della qualitĂ  del vino e, in modo inaspettato, per la sintesi di melatonina. I protagonisti, … Leggi tutto

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: