Test dell’utilizzo dell’Acetato

Acetate utilization test: analisi microbiologica per determinare se un organismo può utilizzare l'acetato come unica fonte di carbonio

Principio

Il Test dell’utilizzo dell’Acetato viene utilizzato per determinare se un organismo può utilizzare l’acetato come unica fonte di carbonio, in particolare per differenziare le specie di Shigella da Escherichia coli e dai batteri gram-negativi non fermentativi.

Gli organismi capaci di usare l’acetato di sodio crescono sul terreno, determinando un pH alcalino e trasformando l’indicatore da verde a blu. L’utilizzo dell’acetato è indicato dalla formazione di colore blu, dovuto all’utilizzo di acetato di sodio e alla successiva formazione di una reazione alcalina rilevata dalla presenza di indicatore blu di bromotimolo. Il terreno utilizzato nel test dell’utilizzo dell’Acetato è il Sodium Acetate agar, così composto:

  • NaC2H3O2 2 g/L;
  • MgSO4 0.1 g/L;
  • NaCl 5 g/L;
  • NH4H2PO4 1 g/L;
  • agar 20 g/L;
  • bromthymol blue indicator 0.8 g/L

Il pH finale è pari a 6.7.

Metodo

  1. Inoculare una colonia nel terreno (non inoculare da una coltura mista, perché questo potrebbe alterare il test generando falsi positivi o falsi negativi);
  2. Incubare a 35 °C per 7 giorni.

Risultati attesi

  1. Positivo: il terreno diventa alcalinizzato (blu) a causa della crescita dell’organismo (Fig.1 A);
  2. Negativo: nessuna crescita o crescita senza alcun cambiamento dell’indicatore (assenza di viraggio, la colorazione rimane verde; Fig. 1 B).

Figura 1 – a sinistra il risultato positivo di crescita con colorazione blu, a destra il risultato negativo con colorazione verde

Limitazioni del test

Alcuni ceppi di E. coli possono utilizzare l’acetato molto lentamente, con il risultato di un falso negativo nel processo di identificazione. Alcuni ceppi di Shigella flexneri sono invece in grado di utilizzare l’acetato, a differenza della maggior parte dei ceppi che invece non è in grado di utilizzare tale molecola come unica fonte di carbonio. Un’ulteriore limitazione è che inoculi da colture non pure possono generare dei risultati falsi positivi.

Quality control

  • Positivo: Escherichia coli (ATCC 25922) – crescita; blu
  • Negativo: Shigella sonnei (ATCC 25931) – crescita scarsa; verde

Fonti

Informazioni su Francesco Centorrino 69 Articoli
Laureato in biologia ed appassionato di tecnologia, cinema, scienza e fantascienza.

Commenta per primo

Rispondi