Un nuovo antibiotico dalla lignina funzionalizzata con polimeri sintetici: quando la chimica verde incontra le biotecnologie rosse

La lignina funzionalizzata con polimeri sintetici carichi positivamente è in grado di distruggere le membrane cellulari dei batteri e agire come antibiotico biocompatibile.

Biocatalizzatori per la produzione di acidi carbossilici in moderni schemi di bioraffineria

Uno degli obiettivi delle biotecnologie industriali moderne è quello di sostituire la produzione da fonti fossili di acidi carbossilici con processi sostenibili a partire da risorse rinnovabili, come le biomasse.
L’insieme delle piattaforme tecnologiche e dei flussi di materia ed energia che caratterizzano questi processi prende il nome di bioraffinerie.

Una carta igienica biotecnologica e bioattiva per favorire la depurazione degli scarichi domestici

Un’azienda italiana ha creato e commercializzato una carta igienica innovativa contenente le spore di cinque specie batteriche che si attivano a contatto con l’acqua del WC favorendo la biodegradazione della sostanza organica nel sistema fognario.

Innovative plastiche biodegradabili contenenti enzimi immobilizzati su nanoparticelle

Un gruppo di ricercatori dell’Università di Berkeley ha sviluppato innovative plastiche biodegradabili contenenti enzimi immobilizzati su nanoparticelle. Questi enzimi, attivati in apposite condizioni chimico-fisiche permettono una degradazione naturale molto più rapida.

Metodi computazionali multiscala basati su meccanica quantistica e molecolare per la descrizione dei sistemi biologici

I sistemi biologici e i sistemi chimici estesi hanno spesso elevati gradi di complessità che ne complicano notevolmente lo studio e la conoscenza. Da ciò deriva la necessità di semplificare tale livello di complessità attraverso lo sviluppo di modelli matematici accurati.
Tale approccio ha un duplice vantaggio: da un lato simulare virtualmente il comportamento dei processi biologici di interesse e dall’altro prevederne in silico i fenomeni in presenza di nuove condizioni chimico-fisiche.
La chimica computazionale si occupa dello sviluppo di modelli matematici, basati sia sulla meccanica classica sia sulla meccanica quantistica, in grado di simulare sistemi chimici e/o biologici, con lo scopo di calcolarne le grandezze fisiche caratteristiche e prevederne le proprietà chimiche.

Una innovativa bioraffineria del syngas

Un’innovativa applicazione del syngas consiste nella sua fermentazione in processi di bioraffineria per la produzione di molecole a valore aggiunto. Tali prodotti a base biologica sono rappresentati prevalentemente da etanolo e acidi organici volatili (AOV), come acido acetico, acido propionico, acido butirrico e acido esanoico.

Dehalococcoides ethenogenes: l’agente segreto per il biorisanamento delle falde acquifere contaminate da solventi alogenati

Il batterio Dehalococcoides ethenogenes è al momento l’unico batterio in grado di effettuare la dealogenazione riduttiva del tetracloroetene fino ad etilene in approcci di biorisanamento di falde acquifere.

Microrganismi per il sociale: la biorimozione di graffiti

La microbiologia offre strumenti al servizio della conservazione dei beni culturali, trasformando i microrganismi in abili restauratori.
Una sfida attuale riguarda la scoperta, lo studio e l’ottimizzazione di microrganismi in grado di rimuovere selettivamente i graffiti da diverse tipologie di superfici.