Test Microbiologici

TEST MICROBIOLOGICI

In questa sezione verranno progressivamente inseriti tutti i test microbiologici e di laboratorio in generale più o meno comuni, classificati per tipologia in test microbiologici, virologici, immunoenzimatici, genetici e molecolari, citologici e di altra tipologia. Cliccando sul nome dei test presenti in elenco verrete rimandati al test stesso.

Test batteriologici

  • Analisi microbiologiche per la Sepsi: i test microbiologici più comuni che si effettuano quando è in corso la sepsi batterica;
  • Antibiogramma: test di laboratorio che permette di identificare l’antibiotico più efficace per combattere uno specifico microrganismo;
  • Butyrate Disk test: test batteriologico per la rilevazione dell’enzima butirrato esterasi nell’identificazione di Moraxella catarrhalis;
  • CAMP test: test batteriologico per l’identificazione di streptococchi beta-emolitici di gruppo B;
  • Diagnosi batteriologica: iter di identificazione dell’agente patogeno responsabile di una malattia infettiva e valutazione della suscettibilità antimicrobica del ceppo in esame;
  • Diagnosi di malattie infettive: analisi dei dati clinici e una loro valutazione epidemiologica nella diagnosi delle malattie infettive;
  • Enterotube: semplice sistema colorimetrico utilizzato per l’identificazione e la classificazione di vari batteri enterici.
  • LAL test: test del lisato di amebociti di Limulus per la rilevazione di endotossine batteriche;
  • MUCAP test: test per identificare Salmonella spp. attraverso l’utilizzo di un reattivo specifico;
  • TAMC e TYMC: test la conta microbica di batteri e muffe/lieviti;
  • Strep Test: test di agglutinazione rapida per diversi gruppi di streptococchi;
  • Test della bile-esculina: test batteriologico per la differenziazione dei batteri in grado di idrolizzare l’esculina;
  • Test della catalasi: test batteriologico per l’identificazione di cocchi gram positivi, aventi l’enzima catalasi;
  • Test della coagulasi: test batteriologico per la differenziazione di Staphylococcus aureus da stafilococchi negativi alla coagulasi;
  • Test dell’utilizzo del Citrato: test batteriologico per determinare se un microrganismo può utilizzare il citrato come unica fonte di carbonio;
  • Test dell’utilizzo dell’Acetato: test batteriologico per determinazione se un microrganismo può utilizzare l’acetato come unica fonte di carbonio;
  • Test determinazione di Cryptococcus: test che permette di rilevare nei liquidi biologici il C. neoformans;
  • Test di Elek: test batteriologico per la determinazione della produzione dell’esotossina difterica;
  • Test di solubilità biliare: test batteriologico per la distinzione di Streptococcus pneumoniae da tutti gli altri streptococchi alfa-emolitici;
  • Test di fermentazione dei carboidrati: test batteriologico per la valutazione della fermentabilità di un carboidrato specifico;
  • Test IMViC: serie di 4 test microbiologici impiegati in laboratorio al fine di identificare e distinguere i coliformi;
  • Test Mantoux: test per individuare la presenza di un’eventuale infezione da Mycobacterium tubercolosis;
  • TPHA e VDRL: test batteriologico per la determinazione della presenza di Treponema pallidum;

Campionamenti ambientali microbiologici

Test virologici

Test micologici

  • Test di Howard Lam: test che permette di valutare la presenza o meno di ife fungine all’interno di prodotti alimentari;

Test immunologici, enzimatici ed antigenici

  • Cromatografia: tecnica biofisica che consente la separazione, l’identificazione e la purificazione dei componenti di una miscela per analisi qualitative e quantitative;
  • ELISA test: metodo d’analisi immunologica che rientra nella categoria dei test immunoenzimatici;
  • Southern Blotting: tecnica che consente la rilevazione precisa di sequenze di DNA in campioni biologici;
  • Western Blotting: identificazione, con un anticorpo specifico, di un determinato antigene presente all’interno di una complessa miscela di antigeni;

Test genetici e molecolari

  • Estrazione e purificazione del DNA: metodo per estrarre e purificare l’acido acido desossiribonucleico;
  • Estrazione e purificazione dell’RNA: metodo per estrarre e purificare l’acido acido ribonucleico;
  • Fish test: test genetico che consente di rilevare alterazioni molto piccole della struttura dei cromosomi;
  • PCR: test generale per la rilevazione e quantificazione di una specifica sezione del DNA;
  • Pirosequenziamento: tecnologia per il sequenziamento di DNA basato sulla sintesi (sequencing-by-synthesis, SBS);
  • Purificazione proteica: procedura biochimica volta ad estrarre una proteina dal suo compartimento cellulare e separarla da tutte le altre;
  • Saggio TUNEL: tecnica di marcatura immunocitochimica che consente di rilevare frammenti di DNA a singola elica all’interno delle cellule;
  • Sequenziamento Sanger: prima tecnologia di sequenziamento del DNA;
  • Sequenziamento seconda generazione: tecnologia economica e moderna di sequenziamento, detta Next Generation Sequencing (NGS);
  • Sequenziamento di terza generazione: ultima frontiera del sequenziamento genomico che tratta la tecnologia PacBio e la tecnologia MinION
  • Sequenziamento Nanopore: sequenziamento che si basa sull’uso di nanopori inseriti in una membrana elettro-resistente, attraversata da una corrente ionica;
  • Tecniche di labeling: tecniche che permettono di marcare molecole di interesse quali acidi nucleici, proteine o anticorpi;
  • Test di Ames: saggio per determinare la genotossicità;

Test citologici

  • PAP test: test per la diagnosi rapida dei tumori dal collo dell’utero;

Test ambientali

  • Test di germinazione: test per la valutazione della stabilizzazione della materia organica nei processi di compostaggio;

Test chimici

Test diagnostici e medici

  • Angiografia: procedura diagnostica medica che permette di visualizzare in modo dettagliato il sistema vascolare di un individuo;
  • Coronarografia: esame che fornisce una visione dettagliata delle arterie coronarie;
  • Flebografia: procedura diagnostica che coinvolge l’utilizzo di raggi X e di un mezzo di contrasto a base di iodio per visualizzare i vasi sanguigni e il flusso sanguigno all’interno del sistema venoso;
  • Scintigrafia: tecnica di imaging medico non invasiva ottenere immagini dettagliate dell’interno del corpo;
  • Test di maternità: esame medico che viene eseguito per determinare se una donna è incinta o meno;
  • Test di paternità: esame genetico utilizzato per determinare con certezza il legame biologico tra un presunto padre e un bambino;
  • Tomografia computerizzata: procedura di imaging non invasiva che utilizza raggi X e computer per generare immagini tridimensionali a sezioni trasversali del corpo umano;
  • Tonometria non Invasiva: tecnica che consente di misurare la pressione arteriosa attraverso la superficie cutanea;
  • Translucenza nucale: misura dell’ispessimento dello strato di liquido presente nella regione del collo del feto, che può essere rilevato attraverso un’ecografia prenatale;
  • Villocentesi: procedura diagnostica prenatale per individuare potenziali anomalie genetiche e cromosomiche nel feto;

Contattaci per suggerirci feedback e suggerimenti che possano aumentare la qualità dei nostri contenuti sul sito di Microbiologia Italia. Diffondi la scienza con noi e seguici sui nostri Social Network!