MUCAP test

Principio

Il MUCAP test (Fig.1) prevede l’utilizzo di un reattivo specifico per l’identificazione di Salmonella spp. sulla piastra del primo isolamento. Il reattivo è dato da un estere ad otto atomi di carbonio coniugato con il metilumbelliferone (4-metil umbelliferil caprilato) nel solvente organico eptano.
I substrati fluorogenici derivanti dal metilumbelliferone (Fig.2) e dalle cumarine, infatti, sono ampiamente sfruttati per l’identificazione rapida di diverse specie microbiche, mostrando una grande sensibilità e rapidità.

Colonie di Salmonella spp. positive al MUCAP test su piastre HEA (Hektoen Enteric Agar)
Figura 1 – Colonie di Salmonella spp. positive al MUCAP test su piastre HEA (Hektoen Enteric Agar). [Fonte: scheda tecnica MUCAP test Biolife]

Il substrato coniugato in questione agisce in maniera specifica interagendo con la C8 esterasi di Salmonella spp.
Quest’ultima viene idrolizzata dal reattivo con conseguente liberazione nel mezzo del metilumbelliferone fortemente fluorescente se osservato sotto lampada di Wood ad emissione di 366 nm.

Metilumbelliferone
Figura 2 – Metilumbelliferone. [Fonte: myttex.net]

Metodo

Il metodo del MUCAP test prevede di partire da un campione costituito da colonie isolate sul terreno di coltura.
Possono essere sottoposte al test le colonie che sul terreno di prima semina mostrano caratteri presuntivi tipici delle salmonelle e che non presentino fluorescenza naturale.
Per assicurarsi che non vi sia alcuna fluorescenza spontanea, è necessario osservare le colonie sotto lampada di Wood a 366 nm di emissione.
Dopodiché, è necessario versare alcune gocce di reattivo sulle colonie isolate o sugli ammassi di colonie, per poi attendere dai tre ai cinque minuti.
Successivamente, è possibile osservare le colonie in ambiente di penombra e sotto lampada di Wood.

Risultati attesi dal MUCAP test

Il risultato del MUCAP test è positivo quando compare fluorescenza azzurra su tutta la superficie delle colonie o ai margini di colonie con centro nero.
Il risultato negativo è dato da colonie prive di fluorescenza.
Le colonie positive presuntivamente potranno essere considerate di Salmonella spp., tuttavia, sarà necessario sottoporle ad ulteriori test biochimici e sierologici per appurarlo con certezza e per il gruppaggio specifico.

Limiti del MUCAP test

Talvolta può capitare che vi siano dei falsi positivi dati da Pseudomonas spp. sulle colonie H2S negative e fluorescenti. In questi casi, dopo aver utilizzato il reattivo MUCAP sarà poi necessario eseguire un test dell’ossidasi. Le colonie H2S positive, MUCAP positive e ossidasi negative, potranno essere identificate come Salmonella spp. senza ulteriori test di conferma.

Non è indicato fare letture delle piastre dopo 5 minuti dall’aggiunta del reattivo quest’ultimo, infatti, va incontro a fenomeni di autolisi in ambiente acquoso dando falsi positivi.

Il reattivo può essere utilizzato su terreni per l’isolamento di Salmonella spp. come Mac Conkey Agar, Brilliant Green Agar, SS Agar, XLD Agar, ma non su Bismuth Sulphite Agar.

Quality Control

Per eseguire un controllo qualità del reattivo è possibile sfruttate come ceppo positivo il Salmonella thyphimurium ATCC 14028, e come negativo il Proteus mirabilis ATCC 25933.

Fonti

  • Scheda tecnica MUCAP test Biolife
  • Agostinelli, A., Agostinelli, C., Damiani, A.M., Gambella, O., (1990) Valutazione di un reattivo specifico per l’identificazione di Salmonella spp. sulla piastra di primo isolamento. Microbiologia Medica. Vol. 5 n° 3, 129
  • Anichini, P., Lavacchi, A., Pecile, P., Nicoletti, P., (1991) Valutazione di un nuovo metodo basato sulla fluorescenza nello screening delle coprocolture per la ricerca di Salmonella. Microbiologia Medica Vol. 6, n° 4, 117
Crediti immagini
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: