Marciume radicale fibroso

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il marciume radicale fibroso è una delle fitopatie fungine che portano maggior preoccupazione per le piante arboree, causato da Armillaria sp.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Fusariosi della spiga dei cereali

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La fusariosi della spiga è una delle fitopatie più conosciute, che provoca il disseccamento prematuro delle spighette, causando danni alle produzioni e al mercato. I suoi principali agenti patogeni sono funghi appartenenti al genere Fusarium sp.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Phytophthora infestans

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Phytophthora infestans: un fitopatogeno di importanza storica, causa della peronospora della patata e del pomodoro che nel periodo 1845-1850 circa distrusse le coltivazioni di patate causando non pochi problemi nel territorio irlandese. Per via della sua azione e patogenicità, questo agente patogeno merita sicuramente il nome di Phytophthora, ovvero “distruttore di piante”.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Luppolo: le sue principali fitopatie (Parte 1)

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il luppolo: una pianta ben conosciuta per le sue proprietà officinali e per la preparazione della birra. Scopriamo insieme quali sono le fitopatie più frequenti che possiamo trovare in un impianto di questa pianta.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Cancro colorato del platano

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Il cancro colorato del platano è una delle malattie più temibili per gli alberi appartenenti al genere Platanus. La pericolosità e diffusione del fitopatogeno, Ceratocystis sp., è tale da attribuire a questo fungo la classe EPPO A2 per i patogeni da quarantena.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

I metaboliti secondari vegetali: funzioni e difesa delle piante

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Le linee di difesa primarie dei vegetali si trovano soprattutto nella cuticola e nel periderma, nei quali possiamo trovare composti che rappresentano per le piante un valido aiuto non solo contro gli erbivori, ma anche contro microorganismi patogeni: i metaboliti secondari. Possiamo distinguere tre principali tipologie di questi composti: i terpeni, i composti azotati e i fenoli.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Moria del carpino

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

La moria del carpino è una fitopatologia causata da due principali patogeni fungini: Endothiella sp. e Naemospora sp. La malattia si manifesta con il disseccamento degli organi legnosi, fino a provocare la morte dell’albero.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Ormoni vegetali

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Gli ormoni vegetali (fitormoni) sono messaggeri chimici prodotti dalle cellule dei tessuti vegetali, in grado di modulare vari processi cellulari che avvengono nel corso di tutte le fasi di sviluppo della pianta. I principali fitormoni sono le auxine, le citochinine, etilene, acido abscissico, gibberelline, brassinosteroidi.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Xerocomus armeniacus

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia:

Stavolta parliamo di MACRO-Funghi: Xerocomus armeniacus è un fungo che instaura un rapporto di simbiosi micorrizica con alcune piante, soprattutto latifoglie, in prossimità degli apici radicali. La sua particolarità sta nella grande varietà di sfumature di colore del suo cappello, dal rosa al rosso intenso.

Condividi l'articolo di Microbiologia Italia: