I Batteri MRSA possono vivere in casa diffondendosi tra i suoi abitanti

MRSA colonies on blood agar plate
MRSA colonies on blood agar plate
MRSA colonies on blood agar plate

Lo specialista in malattie infettive Michael David e colleghi hanno studiato l’evoluzione di MRSA. Il loro ultimo lavoro, suggerisce che le famiglie possono servire come un serbatoio per la trasmissione di MRSA: Una volta che il batterio entra in una casa, può rimanerci per anni, diffondendosi da persona a persona ed evolvendosi geneticamente per diventare unico per quel nucleo familiare.

Per lo studio, il coautore Timothy D. Leggi, PhD, professore associato di malattie infettive presso l’Emory University School of Medicine di Atlanta e Tauqeer Alam, un borsista postdottorato presso la Emory, hanno eseguito il sequenziamento di tutto il genoma di 146 isolati di USA300 MRSA – la comunità predominante associata con il ceppo di MRSA, la quale è virulenta e facilmente trasmissibile. Questi isolati sono stati raccolti, nel corso di un precedente studio, da 21 famiglie a Chicago e Los Angeles, dove un membro della famiglia si era presentato al pronto soccorso con un’infezione della pelle causata da MRSA USA300. Durante questo studio, i ricercatori hanno visitato le case dei 350 pazienti con infezione della pelle, facendo una coltura di naso gola e inguine a loro e ai loro familiari. Tra le 1.162 persone studiate (350 pazienti con infezione della pelle e 812 membri della famiglia), S. aureus aveva colonizzato uno o più siti del corpo del 40%(137 su 350) dei pazienti con infezioni della pelle e il 50% (405 su 812) dei famigliari con cui erano a contatto.

Per questo studio, il Dr. Alam ha valutato i dati sul genoma per comprendere le dinamiche di trasmissione, la parentela genetica, e la microevoluzione di MRSA USA300  all’interno delle famiglie. Lui e i coautori dello studio hanno anche confrontato le informazioni genetiche di questi campioni di MRSA con una sequenza genomica pubblicata in precedenza su 35 MRSA USA300  isolati da San Diego, 277 MRSA USA300 isolati da New York City, e il genoma completo dei ceppi TCH1516 e FPR3757 di USA300. Il Dr. Alam ha poi creato un albero filogenetico per mostrare le relazioni tra i ceppi batterici.

I ricercatori hanno scoperto che gli isolati all’interno delle famiglie erano raggruppati in gruppi strettamente correlati, suggerendo che un unico comune ceppo ancestrale USA300 era stato introdotto e trasmesso all’interno di ogni famiglia. Inoltre i ricercatori hanno anche trovato prove che i cloni USA300, mentre perduravano nelle famiglie, hanno continuato ad acquisire DNA estraneo.

Ceppi di MRSA USA300 all’interno delle famiglie erano più simili tra loro rispetto a quelli provenienti da diverse famiglie“, dice David, un assistente professore di medicina presso l’Università di Chicago. Anche se MRSA è introdotto nelle case di rado, egli dice, una volta che arriva dentro “può restare lì per anni, spostarsi da persona a persona. I nostri risultati suggeriscono fortemente che gli unici MRSA USA300  isolati sono trasmessi all’interno delle famiglie che contengono un individuo con un’infezione della pelle “.

Lo studio fornisce le conoscenze di base su come MRSA USA300  si è diffuso in tutto il paese“, afferma il Dr. Read. “Stiamo anche ricevendo indizi su come si evolve all’interno delle famiglie. La decolonizzazione dei membri della famiglia può essere una componente fondamentale dei programmi di prevenzione per il controllo della diffusione di MRSA USA300  negli Stati Uniti “.

Il prossimo passo sarà esaminare i potenziali interventi nelle famiglie per prevenire nuove infezioni tra conviventi e i potenziali interventi per cercare di eliminare i batteri provenienti dai famigliari conviventi, dice David. È anche interessate capire se i batteri si evolvono per diventare più o meno virulenti, e se acquisiscono in giro i fattori di rischio per le infezioni ricorrenti da MRSA.

 

Salvatore Gemmellaro

 

Fonte: mBiosphere

Informazioni su Salvatore Gemmellaro 84 Articoli

Non ho mai fatto della Scienza solo una materia di studio ed una passione personale, ma l’ho sempre ammirata come un’opera d’arte. Riesco a vederne la bellezza. I miei contemporanei probabilmente vedono solamente basi di Rna, gli enzimi. Io vedo Picasso, le più stupende sculture della biologia, vedo i Virus. Sono laureando in Scienze Biologiche, ed intendo dar del mio, in futuro, nel mondo della ricerca scientifica.

Commenta per primo

Rispondi