MacConkey Agar

Perchè si usa?
Il terreno MacConkey viene utilizzato per isolare selettivamente i microorganismi appartenenti alla famiglia delle Enterobacteriaceae, e per differenziare i coliformi dagli enterobatteri patogeni non fermentanti il lattosio. Viene quindi utilizzato per la ricerca di E. coli patogeni negli alimenti, nei campioni di prodotti non sterili e nella ricerca di Gram negativi nelle urine in piastra (assieme al Cled agar).

Come funziona?
Ciò che dà selettività a questo terreno sono il cristalvioletto e i sali biliari, che inibiscono la crescita dei batteri Gram positivi. Il MacConkey contiene inoltre come unica fonte energetica il lattosio: ciò permette quindi la distinzione tra batteri fermentanti il lattosio e batteri che non fermentano questo zucchero.

Composizione del terreno

  • Peptone di gelatina 17 g/L
  • Peptoni (carne e caseina) 3 g/L
  • Lattosio monoidrato 10 g/L
  • Sali biliari 1.5 g/L
  • NaCl 5 g/L
  • Rosso Neutro 0.030 g/L
  • Cristalvioletto 0.001 g/L
  • Agar 13.5 g/L

pH finale 7.1±0.2 a 25°C

Preparazione del terreno
– disciogliere 50g di terreno in polvere in un litro d’acqua distillata fredda;
– portare ad ebollizione sotto agitazione e quindi mettere in autoclave a 121°C per 15 minuti;
– estrarre, lasciar raffreddare (fino a circa 50°C) e quindi versare in piastre sterili

Risultati della crescita

BatterioCaratteristiche colonia
Salmonella spp. Colonie incolori
Shigella spp.Colonie incolori
Proteus spp.Colonie incolori
E. coliColonie piatte e rosa con aloni rosa scuro (dato dalla precipitazione dei sali biliari)
Klebsiella spp.Colonie rosa senza precipitazione di sali biliari
Enterococcus faecalisParzialmente o completamente inibito. Se presenti le colonie si presentano molto piccole e opache
Gram positivi                    inibiti

Fonti:
Liofilchem;
MicrobeOnline;
Biolife;
– immagine presa da Microbenotes.com

Informazioni su Andrea Borsa 61 Articoli
Appassionato di microbiologia e zoologia, adora classificare gli organismi che incontra. Al momento si sta dedicando all'ittiologia.

Commenta per primo

Rispondi