Yeast Extract–Peptone–Dextrose Broth

Perchè si usa

Yeast Extract–Peptone–Dextrose Broth è un terreno liquido frequentemente utilizzato per la crescita e la propagazione di vari tipi diversi di lievito quando si vuole realizzare una coltura in sospensione. I lieviti sono microrganismi unicellulari eucarioti ed eterotrofi: necessitano pertanto per crescere di una fonte di carbonio (rappresentata in questo terreno dal D- glucosio o destrosio) e di alcuni amminoacidi che vengono forniti dalla presenza, nella formulazione, sia del peptone che dell’estratto di lievito (quest’ultimo assicura tra l’altro anche la presenza d’importanti precursori nucleotidici per la divisione cellulare e non solo).

E’ quindi un terreno ideale che garantisce di allestire, in breve tempo, una coltura di lieviti che abbia condizioni di crescita ottimali.

Composizione del terreno

  • estratto di lievito (10g/L)
  • peptone (20g/L)
  • D-glucosio (20g/L)
  • estratto di malto (30g/L)
  • acqua deionizzata (1L)

pH finale richiesto*: 5.5 ±0.2 a 25°C

(* = Una volta preparato il terreno e prima della sua sterilizzazione finale in autoclave si suggerisce di controllare il pH del terreno tramite pH-metro poiché potrebbe essere necessario aggiustarlo; ciò di solito si effettua tramite titolazione con una soluzione diluita di acido tartarico o con una semplice soluzione di NaOH 0.4 M aggiunta lentamente. I lieviti crescono meglio in un ambiente sufficientemente acido; alcune fonti in letteratura propongono anzi di titolare fino a portare il pH a 4.5 ±0.2 perchè in tali condizioni si scoraggia la crescita di eventuali altri microrganismi contaminanti.)

Preparazione del terreno

  • Pesare dapprima l’estratto di lievito, quindi l’estratto di malto e trasferirli entrambi in un becher da 1 L;
  • Aggiungere 500ml di acqua deionizzata e mescolare con cura fino alla dissoluzione completa (si dovrebbe ottenere una soluzione omogenea e color giallo arancio);
  • Pesare ora anche il peptone ed il glucosio ed aggiungere entrambi alla soluzione precedente, mescolando fino alla loro completa dissoluzione;
  • Portare a volume di 1L aggiungendo l’acqua deionizzata restante.

Non devono essere presenti aggregati particellari: la soluzione ottenuta deve risultare assolutamente limpida ed omogenea (solitamente si ottiene una colorazione tipica e molto brillante che ricorda quella del miele di castagno, arancio rossastra con riverberi dorati).

L’estratto di malto è disponibile commercialmente sia in polvere (come liofilizzato) che come soluzione; a seconda dell’utilizzo dell’una o dell’altra forma per la preparazione del terreno, la colorazione finale dello stesso potrebbe risultare leggermente differente e virare più al giallo (Fig.1) , piuttosto che al vermiglio (Fig.2). In entrambi i casi comunque, ai fini nutrizionali del lievito, l’utilizzo dell’una o dell’altra forma di preparato è indifferente.

(Fig.1) Esempio della possibile colorazione assunta dal terreno al termine della preparazione:specie quando si utilizza un estratto di malto disponibile in forma liquida, l’aspetto potrebbe tendere maggiormente al giallo più che all’arancio.
Esempio di colorazione finale assunta dal terreno quando si utilizza un estratto di malto in forma solida (polvere) per la sua preparazione. Si ottiene generalmente una soluzione limpida e bruna.

Sterilizzare in autoclave per 15 minuti a 121 gradi centigradi. Conservare il terreno cosi’ ottenuto a temperatura ambiente, ben tappato ed al riparo da fonti di luce e di calore.

Si consiglia di utilizzarlo entro un paio di mesi al massimo dalla sua preparazione.

Crediti per le immagini

Figura 1: https://ww2.ninkasibrewing.com/blogs/ninkasi-blog/2014/07/02/mission-one-yeast-prepares-for-launch/?ageVerified=defaultValue

Figura 2: https://en.wikipedia.org/wiki/YEPD

Ulteriore sitografia di riferimento

Informazioni su Simone Rinaldi 21 Articoli
Laureando in Biotecnologie Farmaceutiche presso l'Università degli studi di Milano; appassionato di Microbiologia, Farmacologia e Biologia in generale. Amo la musica (specie l'Epic Metal ma spazio volentieri anche in altri generi), sono un accanito lettore di romanzi Fantasy, un discreto cuoco (a quanto dicono..!) e mi piace fare lunghi giri in bicicletta per le campagne del mio paese.

Commenta per primo

Rispondi